Coronavirus De Luca: "Dicevano 'Milano non si ferma', poi si sono fermati a contare i morti"

Il governatore campano: "Se Codogno fosse stato in Campania non avremmo potuto aprire bocca per 200 anni"

(LaPresse) “Quando noi chiudevamo, in altre parti d’Italia si facevano iniziative pubbliche: 'Milano non si ferma', 'Bergamo non si ferma', 'Brescia non si ferma'. Poi si sono fermati a contare le migliaia di morti. Non le centinaia, le migliaia di morti". Così il governatore campano Vincenzo De Luca in visita all'ospedale di Sapri (Salerno). “Provate a immaginare se Codogno fosse stato in Campania anziché in Lombardia: non avremmo potuto aprire bocca per altri 200 anni”, ha aggiunto il governatore. DISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE