È una delle protagoniste della stagione primaverile-estiva: ecco la varietà masoniana river

Una delle piante protagoniste della stagione primaverile-estiva è senza alcun dubbio la begonia. Della begonia conosciamo soprattutto la fioritura generosa, costante e ininterrotta, che va dall’inizio della primavera fino alla tarda estate. Fiori piccoli, medi o grandi, fiori a rosetta o allungati, a grappolo o ricadenti, fanno della specie begonia una tipologia di pianta con parecchie varietà da acquistare per colorare i nostri balconi e giardini. La scelta della tonalità di colori, inoltre, può spaziare dal bianco al rosa, dal rosso al giallo, fino all’arancio, al salmone, al fucsia, insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti.

Ma non è di queste begonie che voglio parlarvi oggi. Infatti, la numerosa famiglia delle begonie si può suddividere in due grandi categorie: una è divenuta famosa per le fioriture abbondanti, l’altra, invece, ha trovato la sua fama per la bellezza e unicità del fogliame. Ed è proprio di una pianta appartenente alla seconda categoria che vi parlerò quest’oggi: la bellissima Begonia masoniana river.

Begonia Masoniana River in vaso

Begonia Masoniana River in vaso

La meraviglia della fioritura delle begoniaceae non si discute, e sicuramente, in futuro, ritornerò sull’argomento, ma quando ho incontrato questa varietà di begonia non ne ho capita più una. La begonia masoniana river è un tipo di begonia masoniana per alcuni versi ancora più particolare della sua famosissima sorella, chiamata anche begonia croce di ferro per via dell’evidente decorazione sulle foglie. Dico questo in quanto, rispetto alla sorella “crociata”, la masoniana river ha un qualcosa nel suo aspetto di quasi irreale. Le foglie hanno un apice allungato che le fa prendere una particolare forma a cuore ed hanno un colore quasi cangiante: alla luce è un bel verde intenso, ma all’ombra sembra quasi marrone con sfumature violacee. Impossibile, poi, non farsi trarre in tentazione dal toccarle: la texture rigida e in rilievo, quasi ruvida, del fogliame, dona alla pianta un’aura insolita che invita il palmo della mano ad accarezzarla delicatamente nonostante l’aspetto ruvido e carnoso possa sottendere la possibilità di una ben più energica stretta di mano. Ha foglie delicate che, nonostante l’apparenza, potrebbero rovinarsi se non ci si approccia con un certo garbo. È una pianta che ti incanta e, assolutamente consigliato, è porre l’attenzione sulla nascita delle giovani foglie. Esse si sviluppano facendosi spazio tra le foglie adulte, e si srotolano curiosamente come il cavalluccio marino fa con la coda per aggrapparsi ad un sostegno. Uno spettacolo davvero imperdibile.

Infine, qualche consiglio su come prendervi cura di questa pianta. Nonostante la begonia masoniana sia originaria delle zone dell’estremo oriente, possiamo tranquillamente coltivarla anche nei nostri appartamenti senza grandi sforzi. Luminosità e umidità dell’ambiente sono i fattori chiave per la sua salute, e dovrebbero essere entrambi elevati. È una pianta indicata a vivere in ambienti molto luminosi e, nella stagione calda, può stare anche all’esterno, ma al riparo dai raggi solari diretti. Ama particolarmente l’umidità, quindi, innaffiamola regolarmente, aspettando che il terreno si asciughi leggermente tra un intervento e l’altro, facendo attenzione, però, al ristagno d’acqua, specie nel sottovaso, che potrebbe creare marciume radicale, che le sarebbe letale.

La begonia masoniana è una pianta davvero affascinante dall’aspetto ruvido ma con il cuore tenero, capace di emozionarsi per una carezza e arrossire, cambiando colore.

 

Il fiore della settimana scorsa

SEGUI IL BLOG DI DAVID ZONTA 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: