Domenica 24 Dicembre 2017 - 16:00

Migranti nella neve: il terribile viaggio da Bardonecchia alla Francia

Tentano di passare il confine attraversando il passo della Scala. Pochi arrivano dall'altra parte, molti rinunciano e molti vengono respinti

Migranti ultima via per arrivare in Francia

Estate, inverno. Non conta. I migranti provano ad attraversare le Alpi per andare in Francia. Il viaggio dal cuore dell'Africa, adesso, presenta un tratto terminale tra boschi e pendii innevati che può diventare pericolosissimo. A Ventimiglia e al Brennero i controlli sui treni sono diventati ferrei. Chi è senza documenti in regola viene rispedito indietro. Così, come Lapresse aveva già documentato nel reportage dello scorso agosto di Simone Gorla, i migranti tentano di sconfinare lungo i pendii innevati intorno a Bardonecchia: passo della Scala, Valle Stretta, sono i nomi dei passi che un tempo erano solo meta di gite per appassionati di montagna "facile". Oggi accanto a comitive di sciatori o escursionisti, può capitare di incontrare gruppi di giovani africani che, zaino in spalle, camminano verso il confine a testa china. Fanno brevi tratti sulla strada innevata, poi tagliano lungo i pendii dove la neve è fresca (anche un paio di metri) e dove camminare è un'impresa. Lo fanno, soprattutto, per evitare incontri pericolosi (polizia o gendarmeria) per non rischiare il fallimento.

Loading the player...

Sono 10 chilometri di salita difficile, poi altri quattro di discesa in Francia. I nomi che sperano di arrivare a vedere sui cartelli stradali sono Nevache (il primo centro abitato oltre confine), poi Briancon dove, forse, troveranno ospitalità.

Sono giovani, infreddoliti, con poche speranze: "Siamo partiti in dieci e siamo arrivati in tre" raccontano nel videoservizio di Marco Alpozzi e Stefano Bertolino. Arrivati a Nevache, i dieci si sono nascosti in un boschetto, i primi tre sono stati aiutati dai volontari del paese che in macchina li hanno portati oltre il confine. Mentre aspettavano, gi altri sette sono stati trovati dalle forze dell'ordine francesi e sono stati portati indietro. Un ragazzo racconta: "Ho 15 anni.. Ho fatto tutto questo per arrivare in Francia. Questa dovrebbe essere la terra dei diritti dell'uomo e del bambino. Ma se mandano indietro un ragazzo di 15 anni, che diritto è?...".

Per fortuna non è frequente, ma qualcuno ci ha anche rimesso la vita arrampicandosi lungo le valli innevate con una speranza assurda nella mente e nel cuore. Una storia terribile che si svolge ogni giorno ai confini tra due civilissimi paesi. Ma sul Passo della Scala, si potrebbe dire che di civiltà ne è rimasta poca.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Moschea di viale Jenner

Torino, 26enne uccide patrigno a colpi di pistola e poi chiama carabinieri

La discussione per futili motivi è iniziata a cena, il 26enne si è procurato una pistola e ha colpito il 59enne sparandogli più volte

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione Osakue, cure al cortisone: l'atleta rischia di saltare gli Europei

La giovane campionessa nel lancio del disco, colpita a un occhio da un uovo, forse dovrà dire addio a Berlino per le norme antidoping

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione a Osakue, la Procura di Torino indaga per lesioni senza aggravante razziale

L'atleta azzurra, di origini nigeriane, colpita al volto da un uovo lanciato da un'auto in corsa. Non si esclude nessuna ipotesi dato che si sono verificati altri casi simili e le vittime non erano di colore

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Torino, spray in piazza San Carlo: arrestato quinto componente della banda

Nel 2017 durante la proiezione della finale di Champions tra Juve e Real Madrid, scatenarono il panico causando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 persone