Martedì 29 Novembre 2016 - 09:30

Colombia, Federcalcio Sudamerica sospende partite dopo schianto aereo

A bordo del velivolo la squadra brasiliana Chapecoense

Colombia, Federcalcio Sudamerica sospende partite dopo schianto aereo

La Federcalcio sudamericana, Conbemol, ha sospeso tutte le partite e le altre attività in programma, dopo che un aereo che trasportava la squadra di calcio brasiliana Chapecoense si è schiantato in Colombia. Inoltre il presidente di Conbemol, Alejandro Dominguez, è in viaggio verso Medellin, vicino al luogo dello schianto. La Chapecoense si stava recando a Medellin, dove mercoledì avrebbe dovuto affrontare l'Atletico Nacional di Medellin per l'andata della finale della Copa Sudamericana, l'equivalente dell'Europa League in Sudamerica. Era la prima volta che la piccola squadra di Chapeco raggiungeva la finale di una grande competizione sudamericana, ma il club era considerato sfavorito in questa partita.

LEGGI ANCHE 'Colombia, almeno 6 sopravvissuti schianto aereo: fra loro calciatore Alan Ruschel'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, il racconto di un italiano: "È stato terribile"

Alessio Stazi, un ragazzo italiano, era sulle Ramblas durante l'attentato e racconta su Facebook la paura e la rabbia

Roma, la photocall del film 'Tutte Lo Vogliono'

Attentato a Barcellona, il cordoglio delle celebrità. Incontrada: "Terrore nel mio cuore"

Non solo Vanessa Incontrada. Da Jennifer Lopez a Fedez, gli artisti inviano amore e preghiere alle vittime e le loro famiglie

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas

Barcellona, auto sulla folla sulla Rambla

Attentato a Barcellona, van contro folla sulle Ramblas. Almeno 13 morti e 100 feriti

Isis rivendica l'attacco. La Farnesina conferma che c'è il rischio che alcuni italiani siano coinvolti