Martedì 09 Gennaio 2018 - 13:15

Roma Capitale, Marra a giudizio il 20 aprile per la nomina del fratello

Il capo del personale dell'amministrazione Raggi accusato di aver favorito il congiunto. La sindaca è imputata di falso nello stesso procedimento

Arresto di Raffaele Marra.

Si aprirà il 20 aprile il processo a carico di Raffaele Marra legato alla nomina del fratello Renato a capo del Dipartimento Turismo del Campidoglio. L'ex braccio destro di Virginia Raggi è accusato di abuso d'ufficio nel procedimento dal quale è stata stralciata la posizione della sindaca, imputata per falso. Raggi ha scelto il rito immediato e la prima udienza del suo processo è fissata per il 21 giugno. Il Campidoglio non si costituirà parte civile.

Il processo all'ex capo del personale di Roma Capitale si terrà davanti all'ottava sezione del tribunale capitolino. Nel fascicolo sulla nomina di Renato Marra, la sindaca è accusata di aver dichiarato alla responsabile anticorruzione del Campidoglio, di aver deciso, lei da sola, ogni dettaglio di tale scelta, senza consultare l'allora capo del personale del Comune Raffaele Marra, fratello di Renato. Questa circostanza è palesemente smentita dalle chat, tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimproverava al suo strettissimo collaboratore di averla 'messa in imbarazzo' per aver scelto il fratello Renato senza consultarla.

Raffaele Marra, accusato di abuso di ufficio, è già a giudizio per corruzione insieme all'imprenditore Sergio Scarpellini. Nel corso dell'udienza, che si è tenuta stamani davanti alla gup Raffaella De Pasquale, la difesa di Marra ha depositato una memoria nella quale si legge che l'ex finanziere non avrebbe avuto alcun vantaggio dalla nomina del fratello Renato e per questo, secondo i legali, non ci sarebbe alcun abuso.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale