Lunedì 01 Maggio 2017 - 11:00

Torino, scontri a corteo 1° maggio. Sindacati a Portella Ginestra

Tafferugli tra centri sociali e polizia all'imbocco di via Roma. Il presidente Mattarella invita a ridurre squilibri

Corteo del 1° maggio a Torino, scontri tra centri sociali e polizia

Scontri e tensioni al corteo del primo maggio di Torino. All'imbocco di via Roma il corteo dei centri sociali ha cercato di raggiungere piazza San Carlo dove parlava la segretaria torinese della Cgil Enrica Valfrè. La polizia ha bloccato i manifestanti per impedire loro l'accesso in piazza. I dimostranti hanno così tirato uova contro le forze dell'ordine. Secondo quanto si apprende, le forze dell'ordine hanno caricato lo spezzone sociale. La Questura di Torino comunica: "Lo spezzone antagonista, composto da circa 200 persone, ha accelerato e cercato, all'altezza di via Cesare Battisti, di deviare dal percorso autorizzato. La forza pubblica si è frapposta e ha creato uno sbarramento. In testa allo spezzone, una ventina circa di persone travisate e armate di bastone, per tre volte hanno tentato di travolgere gli agenti posti a sbarramento, al fine di raggiungere il luogo dove si teneva il comizio, senza riuscirvi".

A PORTELLA DELLA GINESTRA. I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo hanno scelto di celebrare la festa dei Lavoratori a Portella della Ginestra, in provincia di Palermo, a 70 anni dall'eccidio. I tre hanno aperto le celebrazioni con la deposizione di una corona al cimitero di Piana degli Albanesi (a Palermo) dove sono sepolte le vittime della strage.

"È un primo maggio di impegno e non di festa perchè c'è poco da festeggiare. Siamo qui per rivendicare l'opportunità di far riprendere l'economia del Paese mettendo al centro del dialogo l'articolo 1 della Costituzione, cioè che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. E vediamo di non affondarla sul lavoro". Così Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil. 

LEGGI ANCHE Mattarella: Evitare riduzione lavoro e compressione salari

"Il messaggio di oggi deve essere lavoro, lavoro, lavoro". Così Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl. Siamo qui contro le mafie, siamo qua per mettere al centro del dialogo sul futuro il tema dell'occupazione dei nostri giovani che non trovano lavoro e sono costretti ad abbandonare il nostro Paese. Abbiamo bisogno delle loro intelligenze per proiettarci nel domani", ha aggiunto.

"In giornate come oggi resta centrale il tema del lavoro, quando pensiamo ai giovani italiani che lasciano il nostro Paese. Il tema dell'occupazione è il punto fondamentale delle nostre radici e il centro delle lotte che il sindacato ha continuato a fare". Lo ha dichiarato Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, presente a Portella della Ginestra, invitando a "immaginare delle politiche per rilanciare il lavoro, per dare una risposta alla disoccupazione, in particolare alla disoccupazione giovanile".

Primo Maggio: Camusso, Furlan e Barbagallo a Portella della Ginestra
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Avaria in volo su aereo Alitalia: atterraggio d'emergenza a Cagliari

Avaria in volo su un aereo Alitalia: atterraggio d'emergenza a Cagliari

Momenti di paura a bordo: mentre sorvolava il mare è stato avvertito un forte rumore dal lato destro

Scossa di terremoto a Ischia: danni e crolli.

Terremoto Ischia, il caso della magnitudo 'rialzata' e il sisma vulcanico

Si tratta di fenomeni sismici più rari e anche difficili da studiare rispetto a quelli tettonici

Brennero, controlli della polizia austriaca ad un treno merci

Catania, rimpatriato cittadino marocchino ritenuto pericoloso

Violazione di domicilio, danneggiamento, furto e uso di stupefacenti: Mohamed Belkamoun, di 34 anni è stato rimpatriato

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Nubi e minime in diminuzione: le previsioni del 22 e del 23 agosto

Il caldo comincia ad attenuarsi e le giornate afose si allontanano. Ma nei prossimi giorni le temperature si assesteranno