La cerimonia nella Basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma. Il cardinale Zuppi: "Era uomo dell'Europa unita"

Si sono tenuti nella Basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma i funerali di Stato di David Sassoli, morto a 65 anni l’11 gennaio. Sulla bara del presidente del Parlamento europeo una bandiera dell’Europa. Alla celebrazione tantissimi esponenti delle istituzioni, anche straniere, e politici. Presenti il presidente del Consiglio Mario Draghi, quello della Repubblica Sergio Mattarella, il premier spagnolo Pedro Sanchez, la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen e del Consiglio Charles Michel. 

Il cardinale Zuppi: “Uomo dell’Europa unita, di ideali e non di ideologie”

“Era un uomo di parte e un uomo di tutti, per lui la politica doveva essere per il bene comune e la democrazia sempre inclusiva, voleva l’Europa unita perché figlio della generazione che aveva visto la guerra. Da questa immane sofferenza nasceva il suo impegno, non ideologie ma ideali, non calcoli, ma una visione”. Lo ha detto il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, durante i funerali di David Sassoli, celebrati nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Roma. Concelebrano l’arcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori, il Vicario generale per la diocesi di Roma, cardinale Angelo De Donatis, il Segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, mons. Paul Gallagher, mons. Massimiliano Boiardi e Padre Francesco Occhetta. Servono la cerimonia gli scout Agesci, che ha frequentato da giovane.

Folla assiste a funerali: “Ci siamo affezionati”

“Lo vedevo sempre in televisione, era una bravissima persona. Mi sono affezionata”. Così una signora interpellata da LaPresse con gli occhi pieni di lacrime, mentre sta seguendo il funerale di David Sassoli, davanti ai maxischermo allestito dentro alle Terme di Diocleziano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata