Un testimone rintracciato da LaPresse racconta i lavori del giorno prima la tragedia e i commenti dei tecnici chiamati a riparare guasto

“Sabato 22 maggio nel pomeriggio, poco dopo le 16, abbiamo preso la funivia da Stresa e siamo saliti al Mottarone. Per le 17 avevamo la corsa di ritorno, ma il ragazzo che gestiva l’impianto ci ha detto che ci sarebbe stato un ritardo perché stavano facendo dei lavori”. Neanche 24 ore prima del disastro della funivia del Mottarone costato la vita a 14 persone, il signor Nello lavoratore edile di 47 anni e sua moglie, entrambi di Paesana in provincia di Cuneo, erano a Stresa per trascorrere una giornata al lago e godersi il panorama dalla cima del monte. Sono però rimasti bloccati in vetta al Mottarone per quasi un’ora a causa di alcuni lavori all’impianto della funicolare.

biglietto_mottarone

Il biglietto del testimone che ha viaggiato sulla funivia il giorno prima della tragedia

    “Inizialmente ci hanno detto che saremmo scesi per le 17.20, quando ci siamo presentati alla partenza ci hanno comunicato che bisognava ancora aspettare. Mentre eravamo lì ad aspettare di poter scendere sentivamo che stavano facendo dei lavori, chiaramente non so dove stessero intervenendo ma si sentivano delle martellate. Alla fine ci hanno fatto partire alle 17.55” spiega Nello a LaPresse. “Siamo scesi con i due meccanici che avevano fatto i lavori e che portavano giù un rullo, come una specie di cerchione zincato delle macchine, ma senza gomma. Prima di salire a bordo hanno detto al ragazzo dell’impianto, “Oggi l’abbiamo aggiustata, domani si vedrà”, e discutevano di un cuscinetto che non erano riusciti a togliere. Il giorno dopo quando con mia moglie abbiamo sentito la notizia siamo rimasti senza parole”. 

Nella mattinata di oggi la procuratrice di Verbania Olimpia Bossi ha detto di essere a conoscenza dei lavori all’impianto funicolare avvenuti sabato pomeriggio, ma di non poter ancora stabilire se questi siano in qualche modo collegati al disastro avvenuto domenica mattina.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata