Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester United, Manchester City e Tottenham erano tra le fondatrici del nuovo progetto

La Federcalcio inglese ha aperto un’inchiesta sui club coinvolti nel progetto Superlega e non sono escluse sanzioni. Anche la Premier League ha rivelato lunedì di aver preparato una di misure per impedire alle squadre di giocare in competizioni chiuse e non riconosciute. Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester United, Manchester City e Tottenham hanno lanciato due settimane fa un tentativo sfortunato di fondare una nuova competizione europea con tre club di Spagna (Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid) e Italia (Juve, Inter e Milan). Il progetto è imploso dopo l’indignazione dei tifosi e le minacce da parte del governo britannico di introdurre una legislazione per fermare la Super League. La FA ha affermato di essere al lavoro per “impedire che accada, sia ora che in futuro” e ha collaborato con il governo per perseguire una legge per difendersi da minacce simili e proteggere la piramide del calcio inglese.

Superlega: il comunicato della FA

“La scorsa settimana, abbiamo avviato un’indagine ufficiale sulla formazione della Super League europea e sul coinvolgimento dei sei club inglesi”, si legge in un comunicato della FA. “Abbiamo scritto a tutti i club per richiedere formalmente tutte le informazioni e le prove rilevanti riguardanti la loro partecipazione. Una volta ottenute le informazioni richieste – prosegue la nota – valuteremo le misure appropriate da intraprendere. Chiaramente quello che è successo è inaccettabile e avrebbe potuto causare gravi danni ai club di ogni livello del calcio inglese”. Dal canto suo la Premier League ha annunciato di aver ora “preparato una serie di misure per sancire i principi fondamentali del gioco professionistico: una piramide aperta, la progressione attraverso il merito sportivo e i più alti standard di integrità sportiva. Queste misure sono progettate per fermare la minaccia di leghe separatiste in futuro”.

La lega inglese chiederà inoltre ai proprietari dei club di firmare una carta “impegnandoli a rispettare i principi fondamentali della Premier League” con eventuali violazioni che porteranno a “sanzioni significative”. La rabbia contro la Superlega è sfociata in pesanti proteste nelle ultime settimane al Chelsea, all’Arsenal e, domenica, al Manchester United, che si sono trasformate in violenza e hanno portato al rinvio della partita contro il Liverpool. “I tifosi hanno svolto un ruolo vitale e di impatto nell’aiutare a fermare la Super League europea e comprendiamo le loro frustrazioni”, scrive la FA. “Tuttavia, non possiamo perdonare il comportamento violento e criminale che ha avuto luogo prima della partita in programma tra Manchester United e Liverpool, su cui la FA sta ora indagando”, conclude la Federcalcio inglese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata