Sabato 04 Giugno 2016 - 18:30

Roma, imbrattata targa in ricordo di Ciro Esposito a Tor di Quinto

Dieci giorni fa la condanna a 26 anni di carcere per Daniele De Santis, accusato di omicidio volontario

Napoli, fiaccolata in memoria di Ciro Esposito

Imbrattata con la vernice rossa la lapide che ricorda Ciro Esposito a Roma. A denunciarlo è l'associazione Ciro vive su Facebook. La targa riportava i versi di una poesia che i tifosi avevano voluto dedicare al ragazzo ed era stata affissa proprio dove il 3 maggio del 2014 fu colpito. Il tifoso napoletano, in trasferta per la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli, morì dopo 52 giorni di agonia nella Rianimazione del Gemelli. La lapide era stata installata tra le due carreggiate a Tor di Quinto, a pochi passi dall'Olimpico. Dieci giorni fa i giudici della Corte d'Assise hanno condannato in primo grado a 26 anni di carcere Daniele De Santis per omicidio volontario.

"Ecco la fine che ha fatto la targa che era stata apposta da circa due mesi in Viale Tor di quinto dove Ciro con un gesto eroico fu' ammazzato. E' diventata rosso sangue. Dopo che media e stampa l'hanno pubblicizzata qualcuno ha pensato bene di infangare ancora una volta il suo nome e il suo ricordo ma #Cirovivenonostantelevostrecattiverie", scrive su Facebook l'associazione.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Maratona Race for the Cure

Race for the cure, Roma corre in 'rosa' contro il tumore al seno

I partecipanti alla gara di solidarietà della Capitale hanno superato quelli degli eventi in Usa, dove l'iniziativa è nata

Foto tratta da Twitter

Roma, albero di 20 metri cade in viale delle Milizie e danneggia bus

Le fronde hanno infranto un finestrino posteriore dell'autobus dell'Atac

Roma, autobus in fiamme in pieno centro

Roma, si allarga l'indagine sui bus in fiamme: inquirenti in officina

Ieri un altro caso vicino piazza Venezia. Da gennaio oltre dieci roghi sono divampati sui mezzi Atac

Raid dei Casamonica in un bar: donna disabile presa a cinghiate

I due esponenti del clan volevano essere serviti per primi, lei si ribella e viene pestata. Sul caso indaga la Dda