Venerdì 20 Maggio 2016 - 11:15

Papa a Juve e Milan: Anche sport è segnato da fenomeni negativi

Calciatori ricevuti in Vaticano alla vigilia della finale di Coppa Italia che si disputa domani a Roma

Papa a Juve e Milan: Anche sport è segnato da fenomeni negativi

"Il successo di una squadra è il risultato di una molteplicità di virtù umane: l'armonia, la lealtà, la capacità di amicizia e di dialogo, la solidarietà; si tratta dei valori spirituali, che diventano valori sportivi. Esercitando queste qualità morali, voi potete far risaltare ancora di più la vera finalità del mondo dello sport, segnato, a volte, anche da fenomeni negativi". Lo dice Papa Francesco ai calciatori di Juventus e Milan, ricevuti in udienza in Vaticano alla vigilia della finale di Coppa Italia che si disputa domani all'Olimpico di Roma.

"Si tratta semplicemente di dimostrare - spiega il Papa - che ognuno di voi, prima di essere un calciatore, è una persona, con i suoi limiti e i suoi pregi, ma soprattutto con la propria coscienza, che spero sia sempre illuminata anche dal rapporto con Dio. Non vengano mai meno, quindi, tra di voi il gusto della fraternità, il rispetto reciproco, la comprensione e anche il perdono. Fate in modo che l'uomo sia sempre in armonia con l'atleta". "Siate campioni nello sport, ma soprattutto nella vita", conclude.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere