Lunedì 05 Settembre 2016 - 07:15

La Corea del Nord lancia tre missili nel mar del Giappone

I lanci alle 12 ora locale: apprensione a Sud per possibili provocazioni

La Corea del Nord lancia tre missili nel mar del Giappone

La Repubblica Popolare Democratica di Corea ha sparato oggi tre missili balistici nelle acque orientali del mar del Giappone, in vista della Giornata nazionale del paese. A riferirlo è stata l'agenzia di stampa della Corea del Sud Yonhap citando fonti dello Stato maggiore sudcoreano. I missili sarebbero stati lanciati in mare alle 12.14 (ora locale) dalla zona occidentale di Hwangju nella provincia del Nord Hwanghae.

Ancora ignota quale fosse la tipologia di missili e fino a dove siano arrivati. Su questo aspetto sono a lavoro, analizzando i dettagli, militari della Corea del Sud, che stanno monitorando da vicino le mosse della Corea del Nord per possibili provocazioni.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, May: Probabili altri attacchi imminenti, massima allerta

Londra, May: Probabili altri attacchi imminenti, massima allerta

"Attentatore era cittadino britannico ed era noto a MI5, considerato agente periferico"

Viminale intensifica misure di sicurezza dopo l'attacco di Londra

Viminale intensifica misure di sicurezza dopo l'attacco di Londra

"Più vigilanza nei pressi degli obiettivi ritenuti più a rischio"

Attacco a Londra, May: Possono colpire ancora. Blitz a Birmingham con 8 arresti. Bilancio è di 3 morti, tra i feriti anche un italiano

Attacco a Londra, May: Possono colpire ancora. Blitz a Birmingham con 8 arresti. Bilancio è di 3 morti, tra i feriti anche un italiano

Ucciso l'attentatore di Westminster, ipotesi è che fosse collegato al terrorismo islamico: era noto a 007 ma come agente periferico. Gentiloni: "Fianco a fianco contro il terrorismo"

Attacco Londra, governo: Ipotesi attentatore collegato a terrorismo islamico

Attacco Londra, ipotesi attentatore collegato a terrorismo islamico

Lo ha detto a Bbc Radio il Segretario della difesa del governo inglese Michael Fallon