Giovedì 21 Luglio 2016 - 14:15

Isis minaccia Francia in un video: Il vostro silenzio vi uccide

"Vi abbiamo fatto soffrire quello che soffrono i musulmani in Siria"

Isis minaccia Francia in un video: Il vostro silenzio vi uccide

Lo Stato islamico torna a minacciare la Francia in un video trasmesso in rete nel quale spiega che il silenzio del popolo francese a proposito della politica del suo governo in Iraq e Siria sta uccidendo i suoi cittadini. "Promettiamo che le cose peggioreranno ancora se resterete a braccia conserte. Il vostro silenzio sulle decisioni del Governo vi sta uccidendo", dice un jihadista nel video che si intitola 'Il vostro silenzio vi uccide' e dura più di 5 minuti. Nel video si vedono anche immagini dell'attacco di Nizza. "Vi abbiamo fatto soffrire - aggiunge l'uomo con il volto coperto - solo un po' di quello che soffrono i musulmani in Siria e in altri Paesi". "Ricordatevi che sareste tranquilli in casa vostra se il vostro Governo non avesse iniziato ad attaccarci", conclude.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storico referendum sull'aborto in Irlanda: pesano gli indecisi

Il Paese ha una delle leggi più restrittive d'Europa sull'interruzione volontaria di gravidanza, proibita in ogni sua forma

Corea del Nord, no al vertice Kim-Trump se basato su stop unilaterale al nucleare

Nord Corea, Trump: summit Singapore non si terrà anche se Kim ha smantellato sito test nucleari

L'annuncio in una lettera al leader nordcoreano dopo giorni di incertezza. Da Punggye-ri erano stati lanciatati i sei missili atomici

Oceano indiano, trovati rottami: si pensa al jet malese scomparso

Il missile che abbattè il volo MH17 fu lanciato da una brigata russa

La rivelazione del Joint Investigation Team che indaga sul caso dell'aereo della Malaysia Airlines

La figlia di M.L. King contro Bannon: "Mio padre fiero di Trump? Sarebbe molto preoccupato"

Bernice King non ha affatto apprezzato l'intervista dell'ex stratega del presidente alla Bbc