Lunedì 06 Marzo 2017 - 19:00

Di Maio a Pd e governo: Ipocriti, chiedete scusa voi ai malati

Il pentastellato risponde alle critiche dopo l'attacco a Gentiloni

Di Maio a Pd e governo: Ipocriti, chiedete scusa voi a malati

"L'Italia è un malato terminale e lo ribadiscono gli spaventosi dati Istat sulle nascite pubblicati oggi, se non bastassero quelli sulla disoccupazione, sulla povertà e sulle chiusure quotidiane delle aziende. Le rassicurazioni non servono a nessuno. Bisogna guardare in faccia la realtà e adottare misure efficaci all'altezza della situazione. Nascondersi dietro il politically correct è inutile. Pensiamo a salvare gli italiani che non arrivano a fine mese e agli imprenditori che chiudono baracca, non a rassicurarli". Così Luigi Di Maio risponde alle polemiche del Pd in merito alle parole usate verso Paolo Gentiloni sul blog di Beppe Grillo.

LEGGI ANCHE Di Maio: Gentiloni fa effetto di camomilla a malato terminale

"Quegli ipocriti del Pd che stanno al governo - continua Di Maio - hanno decimato il Fondo per le politiche sociali. Il fondo non autosufficienze perde 50 milioni e quello per le politiche sociali perde oltre 211 milioni: ne restano solo 99". "Chiedete scusa voi ai malati e ai più deboli della nostra società. Ipocriti", conclude il Cinquestelle.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto

Scontro sulla nuova segreteria Pd, Emiliano: "Restiamo fuori". Calenda: "Harakiri"

Il governatore pugliese: "Non entriamo senza garanzia di un profondo cambiamento di linea politica". L'ex ministro duro: "Siamo alla farsa"