Martedì 27 Settembre 2016 - 22:30

Champions, la Juve spegne la Dinamo e torna a sorridere

Pjanic-Higuain-Dybala-Dani Alves: i bianconeri calano il poker

Dinamo Zagreb - Juventus

Siccome alla vigilia Massimiliano Allegri ha sentenziato che la Juventus non può vincere sempre 3-0 e che sarebbe pericoloso vivere nel mondo delle facili illusioni, i suoi giocatori lo hanno preso alla lettera e hanno spento la Dinamo Zagabria con quattro gol. La vittoria ha in parte riappacificato i campioni d'Italia con se stessi, con una prestazione all'altezza delle ambizioni e con la classifica della Champions League dopo il pareggio al debutto contro il Siviglia. Pjanic-Higuain-Dybala-Dani Alves sono stati i cecchini bianconeri, si sono riviste manovre interessanti, soprattutto quando il risultato si è schiodato dallo 0-0, c'è stata intraprendenza e attenzione. Sono 'risorti' in due: Pjanic e Dybala, si è confermato Higuain.

RIPARTENZE - Altissima e compatta: la Juventus ha provato così, con un atteggiamento molto aggressivo, a prendere subito possesso del campo e, quindi, della partita. In fondo, era abbastanza prevedibile che succedesse dopo il j'accuse di Allegri alla vigilia e la necessità di cancellare qualche dubbio comparso qua e là nelle ultime settimane. Hernanes davanti alla difesa, nel ruolo classico di regista, è stata la soluzione al gioco confusionario e prevedibile di Palermo, con Evra sulla corsia sinistra e Dani Alves su quella destra. La Dinamo ha dimostrato di essere di una cifra tecnica imbarazzante, spesso è rimasta schiacciata dietro la linea della palla, avvitata solo su estemporanee ripartenze, senza il talentino Coric, escluso per motivi disciplinari, inguardabile e sciagurata in difesa.

STUPIDAGGINE - Ben presto la contesa è diventata un assalto a testa bassa della Juventus, senza spazi a disposizione e con un catenaccio vecchio stile dei croati. Una gara poco spettacolare, molto sincopata, temibile proprio perché quasi ingiocabile. Solo una stupidaggine poteva sbloccarla e, non a caso, dopo 24 minuti, Sigali ha clamorosamente 'ciccato' l'intervento su un lancio di Bonucci, consentendo a Pjanic di segnare con un tocco semplice e morbido. Il bosniaco di sicuro si trova meglio da mezz'ala che da regista, ma il passaggio per Higuain in occasione del raddoppio bianconero (31') è stato delizioso, quasi 'alla Pirlo'. Per la cronaca, un'altra ingenuità - stavolta di Benkovic, che per qualche minuto era stato spostato nel ruolo di difensore centrale - ha spalancato la porta alla Juventus. Pjanic che, toccato duro a una caviglia, non ce l'ha fatta a rientrare nel secondo tempo e ha lasciato il posto a Cuadrado.

ASTINENZA - La Dinamo ha colpito una traversa con Schildenfeld sull'1-0, l'unico sussulto in mezzo a tanta mediocrità. L'avversario giusto per rimettere in palla i bianconeri e consolidare il concetto di autostima. Prova ne sia che anche Dybala ha messo fine alla sua lunga astinenza: al 12', infatti, ha segnato un gol bellissimo, di sinistro, da trenta metri. L'ingresso di Pjaca al posto di Barzagli ha dato il via a un esperimento tattico interessante, il 4-2-3-1, cioè una Juventus a trazione anteriore. Del resto, il contesto e il risultato ampiamente acquisito lo consentivano: la quarta rete di Dani Alves - su punizione deviata - è stata la classica ciliegina. Il prossimo appuntamento è a Lione, il 18 ottobre, un'altra trasferta: forse già decisiva.

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Juventus, Federico Bernardeschi esce dal J Medical

Juve, aggrappati a "fenomeno Bernardeschi" per dimenticare il calciomercato

Accolto come una star. Ma basteranno lui, Douglas Costa, De Sciglio e Betancur? Tenersi stretto Paulo Dybala

Juve, è il giorno di Bernardeschi: visite mediche per il toscano

Juve, è il giorno di Bernardeschi: visite mediche per il toscano

Il 23enne acquistato dalla Fiorentina dovrebbe firmare un contratto di cinque anni con il club bianconero

International Champions Cup, ManUnited batte Real ai rigori

International Champions Cup, ManUnited batte Real ai rigori

Dopo l'1-1 dei tempi regolamentari, ben quattro errori dal dischetto per i Blancos

Usa, l'allenamento della Juventus

Allegri e la tattica del dopo Bonucci: Giocheremo a 4

Conferenza stampa nel New Jersey in attesa dello scontro con il Barcellona nell'International Champions Cup. Parla anche De Sciglio