Venerdì 26 Febbraio 2016 - 18:00

Caso Rosboch, continuano le ricerche della pistola di Gabriele

Pomeriggio 5 torna sul caso dell'insegnante uccisa e intervista il padre della 'telefonista' Efisia

Castellamonte, il luogo del ritrovamento di Gloria Rosboch

 'Pomeriggio 5', condotto da Barbara D'Urso, apre oggi sul caso di Gloria Rosboch. Con un drone che perlustra la zona del ritrovamento del corpo, si sta cercando la pistola di Gabriele Defilippi. L'arma potrebbe essere collegata anche ad un altro delitto: quello dell'ex panettiere Pierpaolo Pomatto trovato morto il 18 gennaio scorso con addosso delle banconote false.

Durante il programma viene ascoltata anche la testimonianza di un amico di Gabriele: "Ci siamo conosciuti su una chat, poi mi ha invitato a casa sua. Era piena di oggetti costosi e la cosa che mi ha colpito è che mi fece vedere una pistola, che era nascosta sotto la maglietta. Mi disse che era per difesa personale", ha raccontato il ragazzo.

 Si prosegue parlando della nuova donna coinvolta nel giallo: si tratta di Efisia Rossignoli, la 'telefonista' 45enne che ha chiamato Gloria fingendosi direttrice della banca e rassicurandola sul deposito dei suoi risparmi, i famosi 180mila euro. La donna, interrogata dagli inquirenti, ha ammesso di aver effettuato la telefonata su richiesta di Gabriele, con cui potrebbe aver avuto una relazione.

Un'inviata del programma condotto da Barbara d'Urso, a questo proposito, ha cercato di intervistare il padre di Efisia: "Ci siamo cascati come le pere cotte", risponde di getto l'uomo, che poi aggiunge: "Io non lo conoscevo e non sapevo che mia figlia lo conoscesse. Lasciateci in pace".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Follia nel traffico a Torino, spara a un automobilista: arrestato

L'episodio è successo sabato scorso, l'aggressore individuato dopo la denuncia

Torino, M5S contro Lele Mora: "No ai vip del favoreggiamento alla festa di via"

L'ex agente delle star, condannato per vari reati, designato come ospite all'iniziativa in programma nel quartiere Borgo Vittoria

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Torino, Appendino e questore Sanna indagati per piazza San Carlo

Ai reati già contestati, cioè lesioni e omicidio colposo, si aggiungerebbe anche l'aggravante di avere agito in concorso tra più persone. La sindaca: "Massima collaborazione"