Giovedì 16 Giugno 2016 - 09:15

Boom di vendite auto: in Europa a maggio +16%, Fca +25

Il gruppo, spiega Fca commentando i dati, "continua a migliorare più del mercato"

Boom di vendite auto: in Europa a maggio +16%, Fca +25

Boom di vendite per il mercato dell'auto. A maggio il settore è cresciuto per il 33esimo mese consecutivo, e rispetto al 2015 sale del 16% a quota 1.288.220 milioni di vetture, molto vicino ai valori del 2008. Stando ai dati Acea, nei primi 5 mesi del 2016, le immatricolazioni sono cresciute del 9,9% a quota 6,4 milioni. Miglior performance quella del nostro mercato a 20,5%. Per il 2016 nel suo complesso la stima di crescita dell'Acea è pari al 5%.

Le vendite del gruppo Fca, nei Paesi dell'Unione europea più quelli dell'area Efta, determinano una quota del 7,4% contro il 6,8% del 2015, totalizzando 98.011 immatricolazioni contro le 78.211 di un anno fa, con una crescita del 25,3%. Sui 5 mesi la quota arriva al 6,9% dal 6,4% totalizzando 452.043 immatricolazioni contro le 384.292 del 2015, con una crescita del 17,6%.

Fiat Chrysler Automobiles, in una nota a commento dei dati sulle vendite in Europa a maggio, sottolinea come il gruppo "continua a migliorare in Europa più del mercato". Fca si conferma così il quarto costruttore per vendite nel continente. Anche nel progressivo annuo la crescita di Fca, prosegue la nota, è stata migliore di quella del mercato, aumentando le vendite in quasi tutti i principali mercati: in Italia (+33,3 per cento), in Germania (+8,9 per cento), in Francia (registrazioni cresciute del 28,1 per cento in  confronto al +22,3 per cento del mercato) e in Spagna, dove le immatricolazioni di FCA sono aumentate del 37 per cento in un mercato cresciuto del 21 per cento. In maggio sono state 74.500 le immatricolazioni in Europa del marchio Fiat, con un aumento del 26,8%  per cento in confronto allo stesso mese del 2015: è da settembre 2014 che il brand aumenta consecutivamente le immatricolazioni.

La quota è stata del 5,6 per cento, cresciuta di 0,5 punti percentuali in confronto a maggio 2015. Oltre al positivo risultato italiano, in maggio il marchio ha migliorato le proprie performance in tutti principali mercati europei: in Germania (+10,8 per cento), in Francia (+39,5 per cento), nel Regno Unito (+1,3 per cento) e in Spagna (431 per cento).

Complessivamente, escludendo l'Italia, in Europa le vendite di Fiat sono cresciute del 20 per cento. Nei primi cinque mesi dell'anno. Fiat ha immatricolato 343.200 vetture, il 18,4 per cento in più in confronto con lo stesso periodo dell'anno scorso, ottenendo una quota del 5,2 per cento, 0,4% punti percentuali in più rispetto al 2015. Le Fiat Panda e 500 ancora una volta sono state le due vetture più vendute del segmento A, consolidando la leadership indiscussa del marchio: insieme hanno ottenuto una quota del 30,7 per  cento. Alle sue spalle la 500, con quasi 16.400 registrazioni, in crescita quasi del 18 per Cento. Prosegue, prosegue la nota Fca, anche la crescita della Tipo, che in Italia si è confermata la seconda vettura più venduta del segmento e sta continuando la scalata alle posizioni di vertice in Europa a maggio, ne sono state  immatricolate 4.800.

Risultato sensibilmente migliore a quello del mercato anche per Lancia/ChrysIer che in maggio ha immatricolato 7.500 vetture, prosegue la nota di Fca. Il 31,9 per cento in più rispetto all'anno scorso, per una quota allo 0,6% per  cento, in crescita di 0,1 punti percentuali. Nel progressivo annuo sono state 34.500 le Lancia immatricolate, in crescita del 16,6 per cento, con una quota stabile allo 0.5 per cento. II marchio ha ottenuto un ottimo risultato a maggio in Italia, con un aumento delle vendite del 38 per cento e una quota del 3,8 per cento, +0,3 punti percentuali rispetto allo stesso mese del 2015. In maggio le registrazioni di Alfa Romeo sono state oltre 5.500, per una quota dello 0,4% per cento.

Nel mese positivi risultati per il marchio in Italia (+7,1 per cento) e soprattutto in Germania, dove ha aumentato le vendite del 35,4 per cento. Nel progressivo annuo le Alfa Romeo immatricolate sono state 26.300, il 3,4 per cento in più rispetto  all'anno scorso, per una quota stabile allo 0,4% per cento. Nell'anno, il marchio è cresciuto in tutti i principali mercati: in Italia (+4,8 per cento), in Germania (+6,6 per cento), in Francia (+2,4 per cento), nel Regno Unito (+4,9 per cento) e in Spagna (+7,6 per cento). Nei primi cinque mesi dell'anno, la Giulietta ha aumentato le vendite del 4,55 per cento rispetto all'anno scorso, con quasi 20 mila immatricolazioni.

L'arrivo della nuova Giulia, si legge nella nota, permetterà al marchio di migliorare le vendite in Europa. Jeep in maggio ha immatricolato quasi 9.900 vetture con un aumento delle vendite pari al 30 per cento: si è trattato del 31esimo mese di crescita consecutiva per il marchio. La quota, allo 0,7 per cento, è rimasta stabile. Nel progressivo annuo le Jeep registrate sono state quasi 45.300, il 24,2 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2015. La quota, allo 0,7% per cento, è cresciuta di 0,1% punti percentuali. In maggio Jeep ha aumentato le vendite in Italia (+61 per cento), in Germania (+6 per cento), in Francia (+14,1 per cento) e soprattutto in Spagna: +109,9 per cento. II marchio di lusso Maserati ha immatricolato 559 vetture in maggio e 2.636 nei primi cinque mesi del 2016.

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora