Sofia (Bulgaria), 16 ott. (LaPresse) – Da una parte della rete l’Italia di Gianlorenzo Blengini, dall’altra la Slovenia di Andrea Giani: in palio l’ingresso nella finale per il titolo Europeo. Domani alle 16.45 (diretta su Raidue) si contenderanno il grande obiettivo due formazioni emerse nel momento più importante della stagione. Gli azzurri dopo il Mondiale 2014 non soddisfacente e l’agitata World League 2015, sono tornati a rialzare la testa, cogliendo risultati importanti nell’arco dell’ultimo mese e mezzo: la qualificazione olimpica con la medaglia d’argento nella World Cup e disputando sinora un Europeo da protagonisti vincendo quattro gare su cinque, cedendo soltanto alla Francia per 2-3, dopo essere stati in vantaggio meritatamente 2-0. La Slovenia è nuova a queste ‘altezze’, ma il risultato è stato meritato grazie al lavoro del ‘Giangio’, grande campione dell’Italia tre volte mondiale ed al talento di diversi elementi. Il suo cammino sino ad oggi è stato più complesso, soltanto terza nella pool di Varna, la squadra slovena ha vinto bene con l’Olanda e compiuto l’impresa con la Polonia campione del mondo.

“La Slovenia è una squadra che ha diverse qualità e ha belle individualità – ci ha sottolineato Blengini alla vigilia – Nelle sue file ci sono giocatori che conosciamo, atleti che militano nel nostro campionato da diversi anni, dove hanno fatto delle ottime cose. Ma oltre alle individualità qui nell’Europeo ha sviluppato un ottimo gioco di squadra. Una formazione che non ha solo un grande servizio, ma qualità anche nelle altre fasi della gara. Una squadra bene allenata che sta facendo un Europeo importante e che non ha battuto la Polonia per caso”. La vincitrice di Italia-Slovenia domenica sera contenderà il titolo a chi si imporrà nell’altra semifinale che domani alle 19.45 italiane vedrà in campo Bulgaria e Francia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata