Avicii si è suicidato. La famiglia: "Non poteva più andare avanti"
Il dj e produttore svedese è stato trovato morto in Oman lo scorso 20 aprile

Avicii si è suicidato. A darne notizia è stata la famiglia del dj e produttore svedese trovato morto in Oman lo scorso 20 aprile che alla Cnn ha rivelato la battaglia personale del giovane.

Tim Bergling, questo il suo vero nome, era un ragazzo timido che si trovava male nella macchina dello showbiz. "Voleva trovare la pace - raccontano - e lottava con pensieri sul significato, la vita, la felicità. Non poteva più andare avanti".  Un portavoce dell'artista, tuttavia, si è rifiutato di confermare se si sia trattato di suicidio.

Una fonte della polizia dell'Oman ha fatto sapere che non è un caso di morte sospetta e che le circostanze resteranno confidenziali su richiesta della famiglia. Avicii, il cui vero nome era Tim Bergling, è stato trovato morto il 20 aprile a Muscat, dove era in vacanza con degli amici. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata