L'ex deputato M5S: "L'unica soluzione era permettere al popolo italiano di esprimersi"

(LaPresse) – “Io da cittadino sono indignato”. Lo dice a LaPresse Alessandro Di Battista commentando la bocciatura della Consulta sul quesito referendario sull’eutanasia. “Svariati Parlamenti non hanno legiferato su un diritto, l’unica soluzione era permettere al popolo italiano di esprimersi – spiega l’ex deputato M5S -. Tra l’altro quel referendum avrebbe trionfato, persone che vengono da qualsiasi estrazione politica concordano sulla legalit√† dell’eutanasia, che viene praticata in Italia in forma illegale o praticata pagando molti soldi e andando all’estero. E’ anche ipocrita non garantire questo sacrosanto diritto agli ultimi degli ultimi. Solo quando ci si passa, con un parente in casa, ci si rende conto della necessit√† di quel diritto, che in maniera ignobile hanno deciso di non concedere e hanno deciso di non concedere al popolo di esprimersi, poi si lamentano della disaffezione politica”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata