Usa, arrestata in Canada la direttrice finanziaria di Huawei. Protesta cinese

Meng Wanzhou, figlia del fondatore del colosso cinese, fermata in Canada, è accusata di una serie di violazioni dell'embargo contro l'Iran. "Non abbiamo compiuto alcun reato". Gli Usa temono anche spionaggio attraverso le apparecchiature cinesi

Meng Wanzhou, la responsabile finanziaria del colosso mondiale delle telecomunicazioni cinese, Huawei, è stata arrestata a Vancouver  in Canada e ne è stata chiesta l'estradizione negli Stati Uniti. La notizia ha destato la vibrata protesta di Pechino che ne ha chiesto l'immediata liberazione. Meng Wanzhou, secondo le autorità americane, è sospettata di aver violato, attraverso Huawei le sanzioni nei confronti dell'Iran.

Meng Wanzhou, che era già sotto controllo da parte di funzionari dell'intelligence USA, che ritenevano la compagnia una minaccia per la sicurezza nazionale "è stato arrestato a Vancouver il 1 ° dicembre", ha detto il ministero della giustizia canadese. "È ricercata per l'estradizione dagli Stati Uniti e l'udienza per la cauzione è stata fissata per venerdì". Il ministero ha aggiunto che non può fornire ulteriori dettagli a causa di un divieto di pubblicazione chiesto dalla stessa Meng, figlia del fondatore di Huawei Ren Zhengfei, un ex ingegnere dell'Esercito di liberazione popolare cinese.

Il Wall Street Journal ha riferito ad aprile che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva aperto un'indagine sulle sospette violazioni delle sanzioni iraniane da parte di Huawei. Nel frattempo, il New York Times ha affermato che la società cinese era stata citata in giudizio dai dipartimenti del commercio e del tesoro per presunte violazioni delle sanzioni in Iran e Corea del Nord. L'ambasciata cinese ad Ottawa ha rilasciato una rapida reazione alle notizie, chiedendo la liberazione di Meng: "Ci opponiamo fermamente e protestiamo con forza contro questo tipo di azioni che hanno seriamente danneggiato i diritti umani della vittima", ha detto l'ambasciata. "Abbiamo presentato dichiarazioni severe contro le autorità statunitense e canadese, e li esortiamo a correggere immediatamente il male fatto e ripristinare la libertà personale di Ms Meng Wanzhou". Huawei ha aggiunto di non essere a conoscenza di alcuna infrazione e di aver seguito tutte le leggi applicabili. "Alla compagnia sono state fornite pochissime informazioni riguardo le accuse e non è a conoscenza di alcun illecito da parte della signora Meng (Wanzhou)", ha detto.

Huawei è uno dei maggiori fornitori di apparecchiature e servizi di telecomunicazione al mondo. Ma nonostante il successo globale, le sue attività negli Stati Uniti sono state strettamente limitate dalle preoccupazioni che potrebbero indebolire i concorrenti americani e che i suoi telefoni cellulari e le apparecchiature di rete, ampiamente utilizzate in altri paesi, potrebbero fornire a Pechino vie di spionaggio. Durante l'estate, l'Australia ha impedito a Huawei di fornire la tecnologia 5G per le reti wireless nel paese a causa dei timori legati allo spionaggio. La Nuova Zelanda ha seguito l'esempio a novembre, ma ha affermato che il problema era di natura tecnologica.

A giugno, il quotidiano canadese Globe and Mail ha riferito che i legislatori statunitensi hanno avvertito il governo canadese che Huawei rappresentava un grave rischio per la sicurezza informatica. Nonostante sia stato praticamente escluso dal mercato critico degli Stati Uniti, Huawei ha superato Apple per diventare il secondo produttore mondiale di smartphone nel secondo trimestre di quest'anno e ha il leader di mercato Samsung nel mirino. L'arresto di Meng arriva mentre Ottawa e Pechino sono impegnate in colloqui esplorativi su un accordo di libero scambio negli ultimi due anni, che sarebbe stato il primo accordo di questo tipo tra la Cina e un paese occidentale.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata