Sabato a Wembley gli azzurri in campo per gli ottavi di finale

Si avvicina l’appuntamento con gli ottavi di finale di Euro 2020, con gli Azzurri che voleranno a Londra per affrontare a Wembley l’Austria. Una partita da non sottovalutare, la prima da dentro o fuori, e in cui i ragazzi di Mancini dovranno confermare le ottime impressioni destate a Roma. Con tre vittorie in altrettante partite, 7 gol fatti e nessuno subito, un gioco a tratti spettacolare, la Nazionale si è guadagnata sul campo l’etichetta di possibile favorita alla vittoria finale insieme alla Francia e al Belgio. A Coverciano l’umore è sereno, positivo e c’è grande entusiasmo. Il ct ha già in mente quella che sarà la formazione da mandare in campo, la stessa che ha battuto la Svizzera: in difesa Di Lorenzo e Acerbi prenderanno il posto degli acciaccati Florenzi e Chiellini. L’unica novità potrebbe essere a centrocampo, dove Verratti sembra essere favorito su Locatelli. In avanti il tridente con Insigne, Immobile e Berardi.

Euro 2020, gli azzurri esultano per la vittoria contro la Svizzera

Euro 2020, gli azzurri esultano per la vittoria contro la Svizzera

Verratti: “Grazie a Mancini, felice di essere tornato”

Proprio Verratti è il giocatore che potrebbe far fare all’Italia un ulteriore salto di qualità, già con il Galles ha dato saggi della sua classe anche se la condizione non è ancora al top. “Con Mancini ci siamo sempre sentiti, mi ha dato fiducia dicendomi di lavorare il più possibile per rientrare. Per questo devo solo ringraziarlo, mi ha aspettato e mi ha permesso di essere dove sono ora”, ha detto il centrocampista del Psg a due giorni dalla gara di Wembley. “Sono felice di essere tornato a giocare, rappresentare l’Italia è una cosa speciale. Giocare a Roma è stato bello. Siamo contenti per il percorso fatto”, ha aggiunto. “Sarà una partita difficile, ci giochiamo un ottavo di finale e loro daranno tutto in campo. Dobbiamo pensare in grande, poi vedremo”, ha dichiarato a proposito degli avversari. Verratti ha poi speso parole importanti per il compagno di reparto Jorginho: “Fa sembrare tutto molto semplice ma è un giocatore indispensabile per la squadra, non ci sono molti con le sue caratteristiche. È un intoccabile perchè permette a chi è al suo fianco di rendere al meglio”.

Di Lorenzo: “Un sogno essere qui”

Tra le note liete di questa prima parte di Europei c’è anche Di Lorenzo, l’esterno destro del Napoli non ha fatto rimpiangere Florenzi nelle due gare in cui è stato chiamato in causa. “Fino a qualche anno fa per me era un sogno essere qui, ma ci speravo”, ha detto. “In 5 anni è cambiato tutto, mi sono trovato senza squadra ma sono stato bravo a crederci sempre, a non mollare e fare tanti sacrifici. Ora mi godo questa esperienza e voglio cercare di dare tutto me stesso”, ha aggiunto. Per Di Lorenzo, come per molti suoi compagni, sarà il primo vero snodo decisivo della carriera in nazionale. “Non c’è ansia, è una partita di calcio. Adesso inizia il bello, iniziano le partite da dentro o fuori. C’è la giusta tensione e concentrazione per affrontare questa partita. Siamo l’Italia e scendiamo sempre in campo per portare a casa la vittoria”, ha dichiarato. Di fronte l’Austria di Alaba, uno dei migliori esterni al mondo. “Sicuramente il giocatore più importante è Alaba, sono una squadra fisica che giocano sopra ritmo. Sarà una partita difficile, ci stiamo preparando e sicuramente arriveremo preparati”, ha concluso l’esterno azzurro.

Italia-Austria arbitrata dall’inglese Taylor

La Uefa ha intanto designato l’inglese Anthony Taylor come arbitro. Assistenti Gary Beswick e Adam Nunn, quarto uomo lo svizzero Sandro Schaerer. A Euro 2020 Taylor ha già diretto Danimarca-Finlandia, partita interrotta per via dell’attacco cardiaco subito dal centrocampista danese dell’Inter, Christian Eriksen, episodio in cui l’arbitro inglese ha dimostrato grande sangue freddo. Non ha mai diretto la Nazionale azzurra, ma ha arbitrato più volte le squadre italiane nelle coppe europee tra cui un Inter-Real Madrid in Champions League. Sempre la Uefa, infine, ha comunicato a Italia e Austria che non potranno svolgere allo stadio l’allenamento di rifinitura per preservare la preziosa erba di Wembley. Il ct Mancini valuterà ora un programma alternativo per preparare al meglio la partita. Gli Azzurri partiranno domani mattina alle 10.30 dall’aeroporto di Firenze con un volo diretto all’aeroporto di Londra Luton. L’arrivo è previsto per le 12 ora locale (le 13 in Italia). Nel pomeriggio parleranno in conferenza stampa Mancini e Leonardo Bonucci.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata