Martedì 02 Febbraio 2016 - 15:00

Spese pazze in Liguria, 23 a giudizio: anche Rixi, vice Salvini

Chiuse le indagini a Genova: nei guai molti ex e attuali consiglieri regionali

Salvini e Rixi

Il giudice per l'udienza preliminare Roberta Bossi ha rinviato a giudizio nella giornata di oggi 23 tra ex e attuali consiglieri regionali della Liguria che sono stati indagati nell'inchiesta sulle 'spese pazze' sostenute con i soldi dei gruppi regionali nel periodo che va 2010 al 2012. Tra i politici a processo anche gli esponenti leghisti Edoardo Rixi, vice di Matteo Salvini, e assessore regionale allo Sviluppo Economico, Francesco Bruzzone, attuale presidente del Consiglio regionale, e Matteo Rosso capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione. 

"Non sono sorpreso, lo sapevo da tempo, credo sia una notizia ridondante ormai otto mesi. Ora non penso di fare nulla, vediamo cosa succede, sono abbastanza fatalista. Continuerò l'impegno per la mia terra", ha detto Edoardo Rixi, contattato telefonicamente da LaPresseE' stato prosciolto dall'accusa di peculato Mario Amelotti, tesoriere del gruppo Pd; ridotte invece le accuse all'ex capogruppo democratico Nino Miceli: due su tre accuse per lui sono cadute.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Calabria, ucciso a colpi di pistola in spiaggia a Nicotera Marina

Omicidio in spiaggia a Nicotera: si costituisce presunto killer

Francesco Timpano era stato freddato in un noto lido balneare il 12 agosto scorso

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: 10 morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Si cercano i dispersi, 23 salvati

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"