Venerdì 13 Novembre 2015 - 18:45

Pomeriggio 5, donna sfigurata da chirurgia: appello a ministro Orlando

"Non trovo lavoro per la mia faccia. Voglio un risarcimento"

Pomeriggio 5, donna sfigurata da chirurgia: appello a ministro Orlando

Milano, 13 nov. (LaPresse) - A 'Pomeriggio 5' in onda la testimonianza di Mirella Serattini, ex addetta stampa, sfigurata dalla chirurgia estetica e ora in causa. La donna fa appello al ministro della Giustizia Andrea Orlando: "Le sembra giusto che dopo dieci anni che lotto e rischio la vita debba avere udienza rimandata e non mi venga riconosciuto danno umanitario. La legge e la giustizia non sono uguali per tutti". La donna racconta: "Non trovo lavoro per la mia faccia e perché devo fare sempre interventi. Il risarcimento mi servirebbe per curarmi, non sono ricca. Mentre il chirurgo non sarà toccato. Tra l'altro, ho conosciuto altre donne danneggiate da lui".

 

Mirella vorrebbe pubblicare un libro sulla sua drammatica storia, che affronti anche il far west della chirurgia estetica e il caso di medici non specializzati che iniettano sostanze sostanze illegali. Barbara d'Urso si rivolge, infine, agli spettatori: "Bisogna stare molto attenti da chi si va anche per due punturine di acido ialuronico".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Calabria, ucciso a colpi di pistola in spiaggia a Nicotera Marina

Omicidio in spiaggia a Nicotera: si costituisce presunto killer

Francesco Timpano era stato freddato in un noto lido balneare il 12 agosto scorso

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: 10 morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Si cercano i dispersi, 23 salvati

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"