Lunedì 20 Giugno 2016 - 12:00

Pd, Speranza: Stop doppio incarico, cambiare rotta

Le riflessioni dopo la caduta ai ballottaggi

Roberto Speranza e Massimo D'Alema

 "Credo che il Pd deve fare un'analisi vera e dire che abbiamo imparato la lezione. Serve un Pd che riscopra la parola umiltà e metta da parte l'arroganza che è stata un tratto dominante degli ultimi mesi". Lo dice il leader della minoranza Pd Roberto Speranza, nel corso di un intervento a CorriereLive. "Dovviamo dire che che abbiamo capito la lezione e che vogliamo cambiare rotta", ha aggiunto.
 

DOPPIO INCARICO. "Il doppio incarico di segretario e premier non fa bene al Pd. Non voglio usare questo argomento contro la leadership: Renzi deve ancora fare la sua valutazione, lo ascolterò. Ma dico che bisogna cambiare rotta o facciamo un errore non recuperabile" ha aggiunto"Bisogna cambiare rotta sulle politiche, come la scuola o l'abolizione della tassa sulla prima casa ai miliardari - ha sottolineato - e riorganizzare un partito che appare sfilacciato. Da segretario Renzi non l'ha fatto in maniera efficace".
 

 "Il referendum di ottobre è ancora lontano, avremo tempo per discutere e ragionare. Credo che sarà una prova meno scontata alla luce di questi numeri, sembrava una passeggiata" ha concluso.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Il premier incaricato non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"