Giovedì 14 Aprile 2016 - 13:15

Panama Papers, Putin: Sono una provocazione progettata dagli Usa

Secondo Putin i rapporti usciti sui media sono stati progettati per seminare dubbi su alcune persone

Vladimir Putin

 Le notizie dei media riguardo conti offshore a Panama sono una provocazione e il quotidiano tedesco che ha rivelato i documenti ha debiti con la banca Usa Goldman Sachs. Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin durante la quattordicesima 'linea diretta' con il Paese, trasmessa in tempo reale dalla tv di Stato, in cui il presidente risponde alle domande dei cittadini. Secondo Putin, dietro lo scandalo 'Panama papers' vi sarebbero funzionari degli Stati Uniti e i rapporti usciti sui media sono stati progettati per seminare dubbi su alcune persone.

Intanto domani il settimanale "L'Espresso" pubblicherà  nuova inchiesta suiPanama Papers, il colossale archivio dello studio Mossack Fonseca. Nell'articolo, il settimanale rivela una seconda lista di italiani con i soldi offshore. Sono 100 in tutto, imprenditori, professionisti, manager di ogni parte d'Italia: tra i più noti  Emanuela Barilla, Adriano Galliani, il miliardario Stefano Pessina. E poi società riconducibili a Silvio Berlusconi e Flavio Briatore

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump

Siria, sette anni di guerra civile

Iraq, jihadista belga condannato a morte per appartenenza all'Isis

Nella prima udienza presso il tribunale di Baghdad si era dichiarato innocente

Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70

Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato

Cuba, aereo si schianta al decollo

Cuba, incidente aereo: morta una delle tre donne sopravvissute

Il bilancio delle vittime sale a 111, il peggiore sull'isola da quasi 30 anni