Martedì 22 Maggio 2018 - 21:45

Governo, il Colle vaglia il profilo di Conte: tempi più lunghi

A Mattarella serve altro tempo sul candidato premier indicato da M5S e Lega dopo il caso del curriculum 'ritoccato'

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Sul premier incaricato è vietato sbagliare. Per questo servirà altro tempo e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non esiterà a prenderselo. Il profilo di Giuseppe Conte, indicato da M5S e Lega come presidente del Consiglio del governo giallo-verde, è all'attento vaglio del Quirinale: per questo, al momento non si può glissare sulle indiscrezioni che hanno messo sotto i riflettori il curriculum del professore di diritto privatoNessuna decisione è stata presa da parte del capo dello Stato, che con occhio attento osserva se si diraderanno le nubi sulla figura di Conte e se i partiti lo confermeranno come candidato a palazzo Chigi.

Tuttavia le voci che si susseguono nei corridoi della politica non vanno in questa direzione, anzi si parla di un possibile rinvigorimento dell'ipotesi Luigi Di Maio alla guida del governo del cambiamento. Rumors smentiti da entrambi i principali attori in campo, ma su cui Mattarella vuole vederci chiaro, soprattutto ora che la palla è passata nelle sue mani.

E poi sono attese le raccomandazioni Paese per Paese di Bruxelles, sulle quali l'esecutivo Ue ha fatto trapelare che non sarà tenero con l'Italia, in particolare riguardo al tema pensioni. E non solo. Sul fronte dei conti pubblici, l'Ue tornerà a sottolineare in rosso il debito, che resta un fattore di rischio per l'euro. È in questo contesto che la figura del premier diventa cruciale per l'inquilino del Colle. Un elemento portante su cui costruire l'esecutivo e da cui trarre forza e stabilità. L'articolo del New York Times ha messo invece in evidenza una personalità forse troppo attenta al numero di pagine del suo percorso professionale che ai suoi contenuti.

 Il Colle vuole essere certo che le 'leggerezze' di Conte si fermino al curriculum un po' 'gonfiato' e che non ci sia altro. Ecco perché, allora, il nome di Paolo Savona, proposto dalla Lega per il Mef, non è all'esame di Mattarella. Di ministri se ne parlerà dopo aver affidato la macchina a un presidente del Consiglio non prima e, se questa casella ad ora sembra poter 'vacillare', secondo le voci parlamentari, è meglio attendere e prendere una decisione mercoledì ed eventualmente convocare giovedì Conte, se dovesse essere ancora lui il nome 'giusto'.
 

Scritto da 
  • Donatella Di Nitto
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

Marco Minniti alla festa de L'Unità di Torino

Tav, Esposito: "Perino vs M5S? Pd stani grillini con una mozione"

L'ex senatore dem esorta il suo partito a mettere Toninelli "nella condizione di dover votare un documento al di là della propaganda"

M5s, festa del governo del cambiamento

Allarme suicidi tra i militari, Trenta: "Più caserme al Sud e sostegno psicologico"

La titolare della Difesa: "Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie"

Conferenza stampa del Movimento NoTav a Venaus

No Tav, è rottura con il M5S. "In che mani ci siamo messi!"

Un documento di Alberto Perino, leader del movimento contrario alla Torino-Lione, prende le distanze dall'"immobilismo" dei 5 Stelle. Lo riferisce Repubblica.it