Martedì 22 Maggio 2018 - 09:15

Governo, profilo Conte al vaglio del Colle: nulla è deciso. Rispunta l'ipotesi Di Maio premier

Fico e Casellati ricevuti da Mattarella al Quirinale. Savona candidato al Mef e Giorgetti come sottosegretario alla presidenza del Consiglio

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Non è stata presa alcuna decisione da parte di Sergio Mattarella su Giuseppe Conte, l'uomo indicato da Lega e M5S per il ruolo di premier. La figura del professore è al vaglio del Quirinale e al momento, dopo le indiscrezioni di stampa sul suo curriculum, il capo dello Stato potrebbe aspettare ancora un giorno per decidere ed eventualmente convocare l'incaricato giovedì per riportare la procedura nel giusto alveo costituzionale. Intanto si fanno sempre più insistenti le voci, secondo fonti parlamentari, di un ritorno sulla scena di Luigi Di Maio come possibile candidato premier. Ma fonti interne al partito smentiscono e ribadiscono invece la scelta di Paolo Savona al Mef e Conte come premier. "È lui il candidato alla presidenza del Consiglio dei ministri per il M5S ci mancherebbe altro - ha precisato la capogruppo pentastellata alla Camera, Giulia Grillo - E sono dispiaciuta dalla macchina del fango nei suoi confronti". Prova a mettere a tacere le polemiche, Matteo Salvini: "Abbiamo accolto l'indicazione degli amici dei 5 Stelle su questo e continuiamo a lavorare. Non ci sono stati ripensamenti. E Paolo Savona mi piace molto. La sua storia è una garanzia per gli italiani".

Intanto, nalla mattinata Mattarella ha ricevuto al Quirinale il presidente della Camera, Roberto Fico, e la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. Nessuno di loro ha rilasciato dichiarazioni al termine dei colloqui.

Nuovo incontro anche tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il faccia a faccia, che si è svolto a pranzo in una mensa del centro di Roma, è durato circa un'ora e mezza. Al centro della discussione gli ultimi dettagli in attesa della convocazione del presidente Mattarella.

Sul fronte della squadra di governo resta ancora in piedi la candidatura di Paolo Savona come ministro dell'Economia del governo Lega-M5S. Secondo fonti parlamentari, infatti, i nodi sarebbero tutti sciolti e il vicesegretario della Lega, Giancarlo Giorgetti, sembra destinato al ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Loading the player...

LE IPOTESI PER LA SQUADRA DI GOVERNO - Di Maio e Salvini saranno nella squadra di governo. Il capo politico del M5S prenota un ministero del Lavoro incorporato con lo Sviluppo economico, mentre il segretario della Lega sembra destinato agli Interni. Da quelle posizioni possono incidere sui core business dei rispettivi schieramenti politici.

L'esecutivo non dovrebbe avere più di 20 posti, da dividere (quasi) equamente tra i due attori del 'contratto', ma le figure chiave sarebbero ancora al vaglio del Quirinale. Novità su Savona e Giorgetti a parte, restano in piedi alcune ipotesi già circolate nei giorni scorsi. L'ambasciatore Giampiero Massolo sembra avere diverse chance di essere il nuovo inquilino della Farnesina, alla Giustizia in corsa Alfonso Bonafede, mentre Riccardo Fraccaro potrebbe ricoprire il ruolo di titolare dei rapporti con il Parlamento.

Al Carroccio dovrebbero andare Politiche agricole e forestali (il candidato è Molteni) e il nascituro dicastero della Disabilità. La Salute, invece, sembra riservato all'attuale capogruppo pentastellata alla Camera, Giulia Grillo.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giallo su incontro Papa-Salvini: il ministro lo annuncia, il Vaticano smentisce

Dal portavoce della Santa Sede solo tre, inequivocabili parole: "Non c'è niente"

Virginia Raggi esce dal Campidoglio per andare in procura

Stadio della Roma, Raggi di nuovo in procura. Di Maio: "Lanzalone in Acea? Fu premiato il merito"

Già venerdì scorso la sindaca aveva chiarito una serie di dettagli della collaborazione instaurata con l'ex presidente della partecipata coinvolto nello scandalo

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Comizio di Matteo Salvini a Orbassano

Salvini: "Faremo un censimento dei rom, quelli italiani purtroppo li dobbiamo tenere"

Poi la parziale smentita. Di Maio: "Bene, la schedatura è incostituzionale". Orfini attacca: "Meglio fare un censimento dei razzisti e dei fascisti"