Lunedì 28 Novembre 2016 - 12:45

Crollano le nascite: nel 2015 quasi 17mila nati in meno

Dati Istat confermano il trend che riguarda coppie di genitori italiani

 Crollano le nascite: nel 2015 quasi 17mila nati in meno

Nel 2015 sono stati iscritti in anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014. Lo rileva l'Istat, segnalando che rispetto al 2008 i nati in meno sono 91mila. Un calo attribuibile principalmente alle coppie di genitori entrambi italiani: i nati da questa tipologia di coppia scendono a 385.014 nel 2015 e risultano oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni. Ciò, spiega l'istituto, avviene perché le donne italiane in età riproduttiva sono sempre meno numerose e allo stesso tempo mostrano una propensione ad avere figli sempre più bassa.

Calano però, per il secondo anno consecutivo, anche i nati con almeno un genitore straniero, che nel 2015 sono 100.766 (20,7% del totale dei nati), rispetto ai 104.056 del 2014. Così come i nati da genitori entrambi stranieri, che nel 2015 sono 72.096, quasi tremila in meno rispetto al 2014. In leggera flessione anche la loro quota sul totale delle nascite (pari al 14,8%).

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dj Fabo va in Svizzera dopo gli appelli per l'eutanasia

Dj Fabo è morto: Finalmente libero da un inferno di dolore

L'Associazione Luca Coscioni: "L'esilio della morte è una condanna incivile, Parlamento affronti la questione del fine vita"

Palazzo Chigi. Presentazione del rapporto 2016 sulla sicurezza

Intelligence: Occhi puntati su lupi solitari e 'autoradicalizzati'

Presentato a Palazzo Chigi il rapporto 2016 sulla sicurezza

Dodicenne accoltellata a Genova: è stato fermato il padre

Dodicenne accoltellata a Genova: è stato fermato il padre

L'uomo, 40 anni, è stato interrogato a lungo in Procura

Biotestamento, legge ferma a Camera: dopo 3 invii 6 marzo in aula

Biotestamento, legge ferma a Camera: dopo 3 invii 6 marzo in aula

Il testo non prevede la legalizzazione dell'eutanasia