Mercoledì 11 Maggio 2016 - 10:30

Bari, trovato tritolo: serviva per uccidere procuratore di Napoli

Nel mirino Giovanni Colangelo, la rivelazione fatta da un collaboratore di giustizia

Bari, trovato tritolo: serviva per uccidere procuratore di Napoli

Nei giorni scorsi è stato trovato del tritolo in Puglia che sarebbe dovuto servire a uccidere il procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo. E' questa la rivelazione fatta da un collaboratore di giustizia agli inquirenti della Dda di Bari. Sulla vicenda indaga il pm Roberto Rossi. Il tritolo è stato sequestrato nei giorni scorsi a Gioia del Colle ed è proprio in questo paese, dove Colangelo abita, che avrebbero dovuto colpirlo. La polizia ha fermato in quell'occasione a Bari, Gioia del Colle e Santeramo in Colle, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, Amilcare Monti Condesnitt, insieme ad altre quattro persone, Francesco Paolo Ciccarone, Antonio Saponaro, Giuseppe Piscopo e Paolo Paterno, accusati di detenzione e porto di armi da sparo ed esplosivo. Nell’ambito di un'attività investigativa più ampia della Squadra mobile, il 29 aprile, a seguito di alcune perquisizioni domiciliari, erano stati ritrovati vicino alla proprietà di Monti Condesnitt 550 grammi di tritolo e una pistola semiautomatica marca Tokarev cal.7,62 completa di caricatore con munizioni. Nell'ambito delle stesse indagini è stato arrestato in flagranza anche un 23enne, Nicola Lorusso, trovato in possesso di una pistola semiautomatica calibro 9x21 e di un revolver 44 magnum.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La polizia di Frontiera Francese continua i controlli alla stazione di Bardonecchia

Migranti, trovato cadavere al confine tra Italia e Francia

Il corpo rinvenuto a Bardonecchia, nei pressi del sentiero montano dell'orrido del Frejus

Roma, scritta BR sulla lapide di Via Fani

Roma, scritta 'Br' su monumento Martiri di via Fani: denunciato responsabile

È un romano di 47 anni incensurato, autista Ncc: il 22 marzo scorso la scritta con lo spray sulla lapide. Perquisita la sua abitazione

Nuvole e minime in aumento: il meteo del 25 e 26 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino