Il Masters tra i migliori otto giocatori al mondo si disputerà nel capoluogo piemontese fino al 2025

Mancano ormai poche settimane all’avvio delle ATP Finals a Torino e, per l’occasione, lo Stadio del Tennis del Circolo della Stampa Sporting, costruito nel 1941, si è rifatto il look.

Il nuovo Stadio del Tennis, ristrutturato grazie al contributo di Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT e al sostegno di Città di Torino, Regione Piemonte, Soprintendenza ai Beni Architettonici, Federazione Italiana Tennis, verrà inaugurato dal 10 al 12 settembre attraverso l’evento ‘Set in scena’, kermesse di tennis e spettacolo realizzata con il sostegno di Intesa Sanpaolo e Camera di commercio di Torino, sotto la direzione artistica di Neri Marcorè e con la partecipazione di Lorenzo Sonego insieme a molti altri ospiti illustri del tennis, del giornalismo e dello spettacolo.

La struttura, con una capienza massima di 2.900 posti all’aperto, unica in Italia per carattere architettonico (stadio ellittico in laterizio), permanente ma molto flessibile, a bassissimi costi di manutenzione, con accessi autonomi, si trova in un’area verde isolata dalle residenze, una zona della città ben accessibile e di notevole infrastrutturazione sportivo-culturale. Nello Stadio saranno ospitati gli allenamenti dei tennisti impegnati nelle ATP Finals.

Alla presentazione del nuovo Stadio del Tennis c’era la sindaca di Torino Chiara Appendino, che ha parlato di “uno spazio che oggi immaginiamo per giocare a tennis, ma in realtà la città aveva bisogno di uno spazio di questo tipo, aperto, un’arena dove si potranno fare spettacoli. E’ un primo investimento importante che cade a terra grazie al percorso fatto col tennis e con le ATP Finals”. E, a proposito delle Finals, ha commentato: “L’emozione c’è, c’è anche tanta pressione. Per cui stiamo veramente lavorando a testa bassa perché tutto possa essere perfetto e la città possa accogliere il mondo del tennis”.

In qualche modo ‘padrino’ dello Stadio, un tennista che proprio lì è cresciuto: Lorenzo Sonego. L’atleta ha commentato: “Far parte delle ATP Finals per questo circolo penso sia importante, ospitare i primi 8 giocatori al mondo, rifare uno stadio che è sempre stato il simbolo di questo circolo e fare anche cose oltre al tennis è una cosa importante”. Una previsione di Sonego sugli US Open? “Berrettini questa volta può battere Djokovic. Se vince quella partita, può vincere il torneo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: