Nel cast di "Quei bravi ragazzi" e Law&Order', si è spento per cause naturali

(LaPresse/Ap) È morto in Indiana, a 83 anni, Paul Sorvino. L’attore americano era noto per aver interpretato spesso i panni di criminali e poliziotti come Paulie Cicero in “Quei bravi ragazzi” e il sergente della polizia di New York Phil Cerretta in “Law & Order”.  

“I nostri cuori sono spezzati, non ci sarà mai un altro Paul Sorvino, è stato l’amore della mia vita e uno dei più grandi interpreti che abbiano mai calcato lo schermo e il palcoscenico”, ha dichiarato sua moglie, Dee Dee Sorvino, in un comunicato.

Morto a 83 anni l'attore Paul Sorvino

Paul Sorvino con la figlia Mira Sorvino

Nei suoi oltre 50 anni di carriera, Sorvino è stato una colonna portante del cinema e della televisione americana, interpretando un comunista italo-americano in “Reds” di Warren Beatty, Henry Kissinger in “Nixon” di Oliver Stone e il boss della mafia Eddie Valentine in “The Rocketeer”. Spesso diceva che, sebbene fosse conosciuto per aver interpretato dei gangster, le sue vere passioni erano la poesia, la pittura e l’opera.

Nato a Brooklyn nel 1939 da una madre insegnante di pianoforte e da un padre operaio, Sorvino ha frequentato l’American Musical and Dramatic Academy di New York, dove si è innamorato del teatro. Debutta a Broadway nel 1964 in “Bajour” e al cinema nel 1970 in “Where’s Poppa?” di Carl Reiner. Dal primo matrimonio Sorvino ha avuto tre figli, tra cui l’attrice premio Oscar Mira Sorvino. Quando ha saputo che sua figlia era stata tra le donne presumibilmente molestate sessualmente e messe nella lista nera di Harvey Weinstein, nel bel mezzo della resa dei conti di #MeToo, ha dichiarato a TMZ che se lo avesse saputo, Weinstein “non starebbe camminando. Sarebbe su una sedia a rotelle”. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata