LDA ha incontrato per la prima volta il suo coach Rudy Zerbi e ha svelato: "Sembra tutto bello dall’esterno, ma non è così"

luca-dalessio

Luca D’Alessio Instagram 1

LDA, nome d’arte di Luca D’Alessio (il terzo figlio del cantautore Gigi D’Alessio) ha superato le prime selezioni del talent “Amici 21“. E, durante il suo primo incontro con Rudy Zerbi, suo nuovo coach, ha svelato alcuni segreti e non è riuscito a trattenere le lacrime.

Il 18enne figlio d’arte ha spiegato come non sia affatto semplice emergere anche e soprattutto per il peso del suo cognome. Uno sfogo che ha messo a nudo tutte le sue fragilità: “Forse sto puntando troppo in alto, ma vorrei che le persone vadano da mio padre Gigi e gli chiedano: ‘Ma tu sei il padre di LDA?'”.

Luca D’Alessio: “Non voglio più essere considerato come ‘il figlio di’…”

LDA ha raccontato inoltre che la musica gli “viene naturale” ma ha anche ammesso di non voler essere più considerato il “figlio di…”: il giovane, infatti, è consapevole di essere un privilegiato ma è altrettanto convinto di avere il talento per farcela.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Amici Official (@amiciufficiale)

Poi Luca ha parlato della musica e della scrittura e, alla domanda sul perché abbia iniziato a scrivere, non riesce a trattenere l’emozione e, tra le lacrime, ha affermato: “Volevo parlare un po’ di me, forse ho dato troppa importanza all’amore. Sembra tutto bello dall’esterno, invece non è tutto così bello. Ci sono tante cose che magari una persona ha e non se ne rende conto. Tutti pensano sei figlio di un cantante, sei vestito bene, pensano solo alle cose materiali. Ma dentro delle volte hai dei vuoti”.

Alla fine Luca ha chiesto scusa al suo coach per il momento di debolezza e, tornando in sala relax, ha confidato ai suoi compagni: “Una cosa mi fa piangere e siamo finiti a parlare proprio di quello”.

Dal canto suo, invece, Rudy Zerbi ha voluto essere chiaro sin da subito nei confronti del giovane cantante, spiegandogli che proprio per il nome che porta dovrà lavorare e impegnarsi il doppio in modo che nessuno possa dirgli che è raccomandato.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ⚡️LDA💛 (@lucadalessio_real)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: