La donna sostiene di essere stata drogata e poi abusata nel 1965. Il portavoce dell'artista respinge le accuse

Un’accusa pesantissima che arriva dal passato, quella mossa a Bob Dylan da una donna, la cui identità è protetta e della quale si conoscono solo le iniziali (J. C.), come riporta Usa Today, che sostiene di essere stata drogata e abusata dall’artista all’età di 12 anni. I fatti risalgono, secondo quanto riportato anche dal New York Daily News, al 1965.

Bob Dylan vende tutto il suo catalogo alla Universal, l'acquisizione da 300 milioni

Bob Dylan

Secondo l’accusa, gli abusi sarebbero avvenuti in diverse occasioni nell’arco di alcune settimane. Grazie al New York Child Victims Act, approvata nel 2019, è possibile per chi ha subito abusi da bambino sporgere denuncia contro i presunti colpevoli anche molti anni dopo.

Dylan oggi ha 80 anni. Un suo portavoce ha dichiarato a Usa Today che “l’accusa di 56 anni fa non è vera e verrà contrastata”. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata