Pd, Renzi: Io non me ne vado neanche se mi cacciano a pedate

Roma, 11 apr. (LaPresse) - "Sia chiaro: io dal Pd non me ne vado neanche se mi cacciano a pedate". Matteo Renzi durante la registrazione di 'Porta a porta' ribadisce il suo attaccamento al partito pur criticandolo duramente soprattutto quando parla della direzione, a cui non partecipò. "Venti minuti ad ascoltare una grande liturgia - spiega il sindaco toscano - spesso sono terapie di gruppo e di autoaiuto". Renzi ribadisce la sua volontà di "essere in un partito che parla dei problemi reali e far sì che la politica non sia un ostacolo. Lo stallo che si è creato nella politica è preoccupante in sé perché dà l'idea della palude".

Per il futuro però precisa: "Ho perso le primarie e non ho chiesto il 40% del partito. Io il presidente del Consiglio non lo faccio perché ho perso le primarie".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata