Il Movimento su Facebook: "E' un conflitto d'interessi vivente"

E' Pier Ferdinando Casini il presidente della commissione di inchiesta sulle banche appena insediata. Il senatore ha ottenuto 21 voti, ovvero la maggioranza assoluta dei 40 membri della commissione. La nomina ha subito scatenato polemiche da parte del Movimento 5 Stelle, che in un duro post si scaglia contro il "simbolo della vecchia politica legata a doppio filo con le banche".

"Proprio lui, amico di lunga data di Cesare Geronzi e genero del banchiere Francesco Gaetano Caltagirone, indirizzerà i lavori di una commissione fondamentale che dovrebbe rendere giustizia alle decine di migliaia di risparmiatori truffati in questi anni, dalle quattro banche popolari alle due venete, passando per il Monte dei Paschi di Siena", scrive il M5S su Facebook. "È un atto di guerra che il Pd e la maggioranza del Parlamento pronunciano nei confronti del Paese reale  – continua il post – Il M5S aveva preteso una commissione d'inchiesta per passare dalle parole dei partiti ai fatti, chiarendo le responsabilità dei recenti crac bancari e rendendo fruibili al pubblico i risultati dell'indagine. Con il senatore Enrico Cappelletti avevamo anche presentato un emendamento per impedire ai parlamentari in conflitto di interessi con le banche di partecipare ai lavori di commissione. Il Pd lo ha bocciato. Oggi sappiamo il perché".

 

"La maggioranza a guida Pd prima ha ritardato per mesi l'approvazione della commissione, poi l'ha istituita a pochi mesi dalla fine della legislatura, e infine ha eletto presidente un conflitto di interessi vivente come Casini, che farà di tutto per ostacolare i lavori e insabbiare quanto riusciremo comunque a far emergere con i nostri commissari Alessio Villarosa, Carlo Sibilia, Carla Ruocco, Gianni Girotto e Carlo Martelli", si legge nel post.

"Ricordiamo, tra le altre cose, che Casini pochi mesi fa è entrato come socio nella fondazione bancaria Carisbo, azionista di Intesa San Paolo. Celebre è poi il suo legame famigliare e politico con Caltagirone. Quest'ultimo è ancora oggi il principale finanziatore dell'Udc, ed è stato fino al 26 gennaio 2012 vicepresidente e azionista di Mps, cioè la banca che il Governo Monti sostenuto dallo stesso Casini ha ricapitalizzato con un prestito ponte da oltre 4 miliardi di euro. Come se non bastasse, nel 2009 il Monte dei Paschi, attraverso Antonveneta, successivamente incorporata in Mps Immobiliare, ha venduto alcuni immobili proprio alla Immo 2006 srl, società controllata indirettamente dallo stesso Caltagirone. Costo dell'operazione: 37,58 milioni di euro. Oltre al conflitto di interessi, poi, c'è la vergognosa ipocrisia dei partiti e dello stesso Casini, neo-presidente di una commissione che il 5 aprile 2017, dal suo blog personale, definiva così: 'un impasto di demagogia e pressapochismo che, al di là delle migliori intenzioni, non produrrà nulla di buono per le istituzioni'. Che dire? Se il buongiorno si vede dal mattino, possiamo stare certi che anche questa volta i risparmiatori truffati non avranno giustizia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata