Il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini ha firmato i decreti che stabiliscono procedure e modalità per avviare i progetti

 Prende il via la sperimentazione dell’idrogeno nel trasporto ferroviario e stradale con investimenti per 530 milioni di euro. Il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini ha firmato i decreti che stabiliscono procedure e modalità per avviare i progetti. Le risorse rientrano nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, e per il 40% sono destinati a progetti nel Mezzogiorno.
   Gli investimenti, per un totale di 530 milioni di euro del Pnrr, serviranno – spiega il ministero – “a realizzare la sperimentazione dell’uso dell’idrogeno nel trasporto ferroviario, in ambito locale e regionale, e nel trasporto stradale, con particolare riferimento al trasporto pesante”. I due decreti fissano le modalità per lo sviluppo della filiera dell’idrogeno nel trasporto ferroviario e la realizzazione di 40 stazioni di rifornimento dei mezzi di trasporto a idrogeno sulla rete stradale, nel rispetto del principio di non arrecare un danno significativo all’ambiente e delle norme per la sicurezza. Per entrambi gli interventi, una quota pari ad almeno il 40% è destinata a progetti da realizzare nelle Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata