Il giorno dopo le elezioni, il controllo del Congresso resta ancora in bilico

Arginato il pericolo dell'”onda rossa” repubblicana alle elezioni di midterm, il presidente americano Joe Biden esprime soddisfazione per i risultati del voto. “Abbiamo perso meno seggi alla Camera di qualsiasi presidente democratico nella sua prima elezione di Midterm in almeno 40 anni. E abbiamo avuto le migliori Midterm per i governatori dal 1986. Il popolo americano ha parlato”, ha scritto su Twitter l’inquilino della Casa Bianca.

Controllo del Congresso resta in bilico

Il giorno dopo le elezioni, il controllo del Congresso degli Stati Uniti resta ancora in bilico. La scorsa notte i Repubblicani si sono avvicinati a una maggioranza ristretta alla Camera, mentre il controllo del Senato dipende da alcune votazioni ancora molto serrate. Entrambe le parti potrebbero assicurarsi la maggioranza nella camera alta con vittorie sia in Nevada che in Arizona, dove è ancora troppo presto per il conteggio esatto dei voti. Ma c’è una forte possibilità che, per la seconda volta in due anni, la maggioranza del Senato possa essere decisa al ballottaggio in Georgia il mese prossimo, con il senatore democratico Raphael Warnock e il repubblicano Herschel Walker che non sono riusciti a guadagnare abbastanza voti per assicurarsi la vittoria.

Alla Camera, i Repubblicani mercoledì sera erano a una dozzina di seggi dai 218 necessari per prendere il controllo, mentre i Democratici hanno mantenuto i seggi nei distretti dalla Virginia alla Pennsylvania al Kansas. In una vittoria particolarmente simbolica per i Repubblicani, Sean Patrick Maloney a New York, il capo della campagna democratica della Camera, ha perso la sua candidatura per un sesto mandato. Il controllo del Congresso deciderà come andranno i prossimi due anni del mandato del presidente Joe Biden e se sarà in grado di realizzare più del suo programma o lo vedrà bloccato da una nuova maggioranza repubblicana. È probabile che i Repubblicani avviino una serie di indagini su Biden, la sua famiglia e la sua amministrazione se prenderanno il potere, mentre un’acquisizione del Senato da parte del ‘Gop’ ostacolerebbe la capacità del presidente di nominare giudici.

Le dichiarazioni alla stampa: “Bella giornata per la democrazia” – VIDEO

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata