Il portavoce di Amnesty Italia Riccardo Noury: "Un rinvio lunghissimo che sa di punizione"

Non ha fine l’odissea di Patrick Zaki, rinchiuso in un carcere di Tora, alla periferia del Cairo, dal 7 febbraio 2020. L’udienza del processo a carico dello studente egiziano è stata infatti rinviata al 7 dicembre.

Un rinvio lunghissimo, che sa di punizione“, denuncia su Twitter Riccardo Noury portavoce di Amnesty Italia. “Quel giorno saranno trascorsi 22 mesi dall’arresto: 22 mesi di crudeltà e sofferenza inflitte a Patrick Zaki, ma anche di grande resistenza da parte sua”, aggiunge Noury, che poi sottolinea: “Portato ammanettato nella gabbia degli imputati, come un pericoloso criminale. Patrick Zaki è tutto il contrario”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: