La nota rivista statunitense ha inserito il premier in classifica per la terza volta

(LaPresse) – Mario Draghi tra i 100 del Time, per la terza volta: il premier è l’unico italiano a essere inserito, nella sezione dei ‘leaders’, nell’elenco delle 100 personalità selezionate dalla nota rivista statunitense.  A tratteggiare il suo profilo Janet Jellen, segretaria del tesoro degli Stati Uniti. “I discorsi dei banchieri centrali non sono in genere molto stimolanti, ma le osservazioni di Mario Draghi a Londra nel luglio 2012 sono state un’eccezione – ricorda Yellen – Ha dichiarato notoriamente che la Banca centrale europea avrebbe ‘fatto tutto il necessario per preservare l’euro’, cosa che, ovviamente, ha fatto. Mario e la BCE hanno contribuito a stabilizzare l’economia europea. All’epoca ero alla Federal Reserve e mi sentivo particolarmente grata di avere un partner come Mario dall’altra parte dell’Atlantico, qualcuno con una profonda esperienza e un contegno costante. Ora gli Stati Uniti sono grati di avere Mario come partner ancora una volta. Questa volta da Presidente del Consiglio italiano”.

 

“Mario sta guidando la sua nazione attraverso la pandemia con mano abile, sostenendo una rapida campagna di vaccinazione e misure di soccorso per aiutare le imprese e i lavoratori italiani. Potendo contare su un notevole ammontare di risorso Ue, ha messo in moto molte politiche e investimenti necessari – e politicamente difficili – per rendere verde l’economia italiana, ridurre le disuguaglianze e far progredire la digitalizzazione”.

Sempre Yellen continua affermando: “E con l’Italia alla guida del G20 di quest’anno, Draghi sta riunendo le principali economie del mondo per porre fine alla pandemia, promuovere una ripresa globale inclusiva e affrontare questioni globali urgenti come il cambiamento climatico. Sono passati nove anni dal suo famoso discorso, ma l’approccio ‘Whatever it takes’ di Mario è più pertinente e stimolante che mai“.

Draghi

Mario Draghi

Gli altri in classifica

 

Tra le personalità inserite in classifica spicca anche il nome della corrispettiva finlandese di Draghi Sanna Marin, che nel 2019 è diventata il premier più giovane della storia del Paese scandinavo nonchè la più giovane del mondo all’epoca. Tra i nomi più famosi campeggia la coppia Harry e Megan, i duchi di Sussex residenti da oltre un anno in California.

Oltre a Draghi, tra gli altri leader politici c’è Joe Biden, che a breve festeggerà un anno di residenza alla Casa Bianca. Ma il nome più curioso inserito in lista tra i leader è il Mullah Abdul Ghani Baradar, membro fondatore del movimento dei Talebani nel 1994. “Baradar rappresenta tuttavia una corrente più moderata all’interno dei talebani, quella che sarà portata alla ribalta per ottenere il sostegno occidentale e un disperato bisogno di aiuti finanziari. La domanda è se l’uomo che ha convinto gli americani ad uscire dall’Afghanistan può influenzare il suo stesso movimento”, così ha riferito sul Time lo scrittore e giornalista pakistano Ahmed Rashid.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TIME (@time)

Tra le “new entry” della categoria “advocates” è comparso il nome di Marcus Rashford, stella del Manchester United e della Nazionale di calcio inglese. Di lui ha scritto un connazionale illustre, Lewis Hamilton: “So come ci si sente ad avere fame”, ha scritto lo scorso giugno quando ha avviato una campagna che spingesse il governo britannico a fornire pasti gratuiti agli studenti bisognosi durante le vacanze estive. Difendendo i più vulnerabili nella nostra società e utilizzando la sua piattaforma e influenza per creare un cambiamento positivo, Marcus ha ispirato tanti altri sportivi a unirsi a lui, e ha consolidato il suo status di modello, unendo il Regno Unito in uno sforzo comune”. Questo il commento del sette volte campione del mondo di F1 che motiva la scelta della rivista statunitense.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag: