I giudici stavano discutendo la possibilità del personale medico di opporsi all'esecuzione di procedure legali di aborto

(LaPresse) – Centinaia di manifestanti anti-aborto hanno protestato lunedì davanti alla Corte Suprema del Messico. I giudici stavano discutendo la possibilità del personale medico di opporsi all’esecuzione di procedure legali di aborto, ma il voto è stato sospeso fino alla prossima settimana. Il dibattito segue una decisione della Corte Suprema della scorsa settimana che ha stabilito che punire l’aborto è incostituzionale, è attualmente permesso in solo quattro stati del Messico, compresa la capitale Città del Messico. Arturo Zaldivar, presidente della Corte suprema, ha affermato che l’obiezione di coscienza è stata “usata per negare l’aborto legale a donne e ragazze”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata