Bangkok (Thailandia), 19 ago. (LaPresse/Xinhua) – La polizia thailandese ha annunciato una ricompensa da un milione di baht, pari a 28.100 dollari, per informazioni che portino alla cattura di un sospetto responsabile dell’esplosione di lunedì a Bangkok, ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Nell’attacco sono morte 22 persone e oltre cento sono rimate ferite. Nel video si vede un giovane uomo, con indosso una maglietta gialla e occhiali, prima con uno zaino in spalla e poi senza di esso. La polizia ha anche diffuso oggi un suo identikit. Intanto, oggi ha riaperto il santuario di Erewan dove è avvenuta l’esplosione, popolare luogo turistico della capitale. Il premier Prayut Chan-ocha ha chiesto al sospetto autore, definendolo un “dilettante”, di consegnarsi alle autorità, mettendolo in guardia sul fatto che altrimenti potrebbe essere ucciso.

“Il sospetto attentatore potrebbe con probabilità essere ucciso, se non si arrendesse per salvarsi. La sua vita è fatalmente messa in pericolo da quelli che lo hanno assoldato e potrebbero cercarlo per zittirlo“, ha affermato il primo ministro. Il capo della polizia, Somyot Poompanmoung, ha poi sottolineato che l’attacco potrebbe essere stato commesso da “una rete”.

Secondo quanto riporta Reuters, la polizia thailandese ha spiccato un mandato d’arresto nei confronti di un “uomo straniero”, ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Si tratta della stessa persona di cui è stato diffuso il ritratto. In precedenza, sempre Reuters riportava che la polizia del Paese considera sospettati altri due uomini ripresi dalle telecamere. Il numero delle persone sospettate sale dunque a tre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata