Salvini in visita al cantiere Tav di Chiomonte
Tav, omicidio Pamela, no fly Belgio e Champions. Gli eventi da non perdere di mercoledì 13 febbraio

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di mercoledì 13 febbraio 2019

Tav - Il giorno dopo la presentazione dell'Analisi costi-benefici sulla Tav, lo scontro si sposta in Parlamento. In commissione Trasporti della Camera (ore 9) è prevista l'audizione del prof Marco Ponti. Di certo, i commissari di opposizione (questa volta affiancati da quelli della Lega) cercheranno di metterlo in croce contestando numeri e valutazione dell'Analisi che ha "condannato" la Tav. Più tardi, in aula si discuteranno le mozioni di Forza Italia, Pd e Fdi, tutte a favore della Tav. Teoricamente, con i voti della Lega, potrebbero passare. La questione, all'interno della maggioranza, è delicatissima. Ieri Di Maio è praticamente sparito (non ha partecipato al vertice di governo) e non ha detto una parola sulla Tav. Si è fatto sentire Toninelli che ha parlato di "dati impietosi" e ha dato per chiuso il discorso sulla Torino-Lione. La Lega ha insistito sul fatto che la Tav si deve fare. Come uscirne? Sul tavolo c'è anche la questione del voto sull'autorizzazione a procedere contro Salvini per il caso Diciotti. Tutti si chiedono se Il M5S può permettersi di cedere su entrambe le questioni (soprattutto dopo la sconfitta elettorale in Abruzzo). Dall'altra parte, Salvini non cederà mai sul processo per sequestro di persona e perderebbe consensi al Nord se cedesse sulla Tav. Il dilemma è complesso e una exit strategy non sembra a portata di mano. Salvini e Di Maio la cercheranno in tutti i modi. Una strada possibile? La Lega potrebbe mantenere la sua posizione pro Tav, ma portarla fuori dal governo sostenendo un eventuale referendum promosso dalla Regione Piemonte o da chi per essa.

Piazza re di Roma a Roma, il ricordo di Pamela Mastropietro

Processo per l'omicidio di Pamela - Comincia a Macerata il processo per l'omicidio di Palema Mastropietro, 18 anni, uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio del 2018 nella casa di uno spacciatore a Macerata in via Spalato 124. Unico imputato è il pusher nigeriano Innocent Oseghale anche se molti sono convinti del fatto che nel delitto ci siano stati dei complici e, forse, sullo sfondo, la mafia nigeriana che controlla spaccio e prostituzione in diverse aree delle nostre città. Un delitto efferato (la ragazza potrebbe essere stata squartata quando era ancora viva) che ha suscitato reazioni anche assurde come quella di Luca Traini che il 3 febbraio andò in giro per Macerata sparando alle persone di colore e ferendone sei. Oseghale sostiene che Pamela è morta di overdose e che lui aveva cercato di nasconderne il corpo facendolo a pezzi e portandolo via dentro un trolley. La procura non gli crede e lo accusa di omicidio volontario, violenza sessuale, distruzione, occultamento e vilipendio di cadavere. Il tribunale di Macerata sarà blindato. Persino i difensori di Oseghale sono stati minacciati.

Belgio, no fly zone:- Cieli chiusi sul Belgio per tutta la giornata di oggi. Lo sciopero generale delle tre maggiori sigle sindacali del Paese che chiedono aumenti salariali, ha un effetto collaterale piuttosto grave per tutta Europa. L'astensione dal lavoro dei controllori di volo ha costretto la Skeyes, l'azienda che svolge il servizio di controllo dei cieli, a chiedere lo stop di tutti i voli. Ma non solo di quelli in arrivo e in partenza negli aeroporti del Belgio. Tutto il cielo belga sarà per un giorno off limits e il Paese non potrà essere sorvolato (al di sotto degli ottomila voti) da nessun aereo, eccettuati i voli militari e le emergenze. Nessuno è stato in grado di dire se e quanti voli saranno cancellati nel resto d'Europa. E' probabile che una parte di quelli che passerebbero sopra il Belgio possano essere spostati o dirottati. Di certo non tutti. E di certo non c'erano stati cieli europei chiusi dalla vicenda dell'eruzione del vulcano islandese Eyjafjöll che, nel 2010 causò per diversi giorni uno stop al traffico aereo nel Nord Europa.

Giornata mondiale della radio - Si celebra oggi in tutto il mondo la giornata mondiale della radio. Questa meravigliosa scatola che trasmette con facilità e a basso costo suoni e voci, è certamente uno strumento eccezionale di unione tra gli uomini. La giornata, voluta dall'Unesco e istituita nel 2012 è arrivata all'ottavo anno. La data corrisponde a quella della prima trasmissione radiofonica dall'Onu (13 febbraio 1946). Il tema di quest'anno è “Dialogo, Tolleranza e Pace”. Tema adattissimo perché con la radio si avvicinano popoli, nazioni, persone e grazie alla radio si può intervenire per aiutare chi è in difficoltà o salvare vite umane. Tecnicamente, la radio fu inventata nel 1897 dall'italiano Guglielmo Marconi che ne registrò il brevetto a Londra il 2 luglio di quell'anno. Ma altri scienziati, prima di lui arrivarono a dimostrare empiricamente il principio di trasmissione attraverso le radiazioni elettromagnetiche o a realizzare degli esperimenti pratici. Marconi mise insieme diverse scoperte parziali e divenne iol padre della radio. Con lui, al di là delle beghe sui brevetti, vanno ricordati anche David E. Huges, Nikola Tesla e Jagadish Chandra Bose.

I giocatori del Real Madrid in allenamento alla Crujff Arena di Amsterdam

Champions League -  Continuano gli ottavi di Champions League spezzettati in due settimane e quattro giorni. Dopo la consacrazione di Nicolò Zaniolo (più giovane italiano di sempre a segnare una doppietta in Champions nella vittoria per 2-1 della Roma sul Porto), questa sera si giocano altre due grandi partite.  Alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam (ore 21) l'Ajax affronta il-Real Madrid. A Londra (stadio di Wembley, ore 21) sono di scena Tottenham e Borussia Dortmund. Probabili formazioni: Ajax (4-3-3): Onana; Mazraoui, De Ligt, Blind, Tagliafico; Schone, Van de Beek, De Jong; Ziyech, Huntelaar, Tadic.. Real Madrid (4-3-3): Courtois; Caravjal, Ramos, Varane, Reguilon; Modric, Casemiro, Kroos; Vazquez, Benzema, Vinicius. Arbitra lo sloveno Damir Skomina. Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Alderweireld, Vertonghen, Rose; Winks, M.Sissoko; Lucas Moura, Eriksen, Lamela; Son Heung-Min. All. Mauricio Pochettino. Borussia Dortmund (4-2-3-1) Bürki; Hakimi, Toprak, Zagadou, Schmelzer; Witsel, Delaney; Sancho, Philipp, R.Guerreiro; Götze. All. Lucien Favre. Arbitra lo spagnolo Antonio Miguel Mateu Lahoz 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata