Codacons denuncia Chiara Ferragni per blasfemia: come la Madonna sulla copertina di Vanity Fair
Codacons denuncia Chiara Ferragni per blasfemia: come la Madonna sulla copertina di Vanity Fair

Fedez commenta su Twitter: "Mi mancavano". Nuova polemica con la coppia dopo quella per la raccolta fondi per il San Raffaele

Il Codacons ha denunciato Chiara Ferragni per blasfemia per la copertina di Vanity Fair della scorsa settimana. Nell'immagine l'influencer è ritratta come una Madonna con bambino, riprodotta come l'opera di Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato. In realtà l'opera, postata da Ferragni su Instagram, è parte di una 'galleria' creata dall'artista Francesco Vezzoli nel numero di Vanity Fair del 23 settembre. Oltre a Ferragni, sono raffigurate come dipinti e quadri decine di altre donne che rappresentano l'empowerment femminile in Italia e nel mondo.

Su Twitter Fedez ha subito commentato la notizia: "Mi mancavano" ha scritto, aggiungendo il link all'articolo che parla della denuncia del Codacons. L'astio tra i Ferragnez e il Codacons non inizia ora: durante il lockdown l'associazione dei consumatori aveva denunciato una raccolta fondi della coppia. Fedez aveva risposto raccontando in modo dettagliato come erano stati usati i fondi della raccolta, che finanziavano il San Raffaele e attaccando l'associazione sostenendo che stava ostacolando la raccolta fondi in modo inappropriato. Il Codacons aveva poi querelato il rapper, tra le altre cose, anche per diffamazione e calunnia.

Sul caso è intervenuto anche il fondatore di Azione Carlo Calenda che su Twitter ha scritto: "Nella risposta alla mia lettera e all’interrogazione di Matteo Richetti, Patuanelli si è impegnato formalmente a verificare la situazione del Codacons in termini di trasparenza, conflitti di interesse e mancanza di requisiti. Spero che si dia una mossa. Non se ne può più".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata