La denuncia dei residenti: "Una vergogna"

(LaPresse) Circa 800 salme sono in attesa di essere cremate o seppellite nel cimitero Santa Maria dei Rotoli, il più grande di Palermo. Le bare sono accatastate una sull’altra in un deposito, altre sotto due tendoni all’aperto, esposte al sole e alla pioggia. Una “vergogna”, si lamentano molti parenti dei defunti, costretti a scavalcare altri feretri per poter raggiungere quelli dei propri cari. Altri lamentano la presenza di cattivi odori: “Alcune bare si stanno aprendo”, denuncia un residente.

Sotto accusa le amministrazioni comunali degli ultimi decenni

Secondo il consigliere comunale, Igor Gelarda, la responsabilità è delle amministrazioni comunali che negli ultimi 40 anni non sono state in grado di ampliare il campo santo, né progettare alternative. Il forno crematorio esistente, ha spiegato, non funziona e in quello nuovo, in fase di realizzazione, “si sono dimenticati di progettare il sistema fognario”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata