Erano coinvolti a vario titolo coinvolti nella commissione di reati fiscali e fallimentari

(LaPresse) Sequestrati beni e valori per 650mila euro nei confronti di due imprenditori – un italiano e un albanese – a vario titolo coinvolti nella commissione di reati fiscali e fallimentari, contro il patrimonio e intestazioni fittizie di beni. L’operazione delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Livorno. Già arrestati il 10 maggio 2017,i due erano attivi in un sistema fraudolento di apertura e chiusura di cooperative impegnate nel facchinaggio e nella spedizione di merci, con centro direzionale a Livorno e a Rosignano Marittimo,e sedi nelle province di Pisa, Roma, Caserta e Napoli,dove tra l’altro era stato indagato anche un commercialista di Torre del Greco (deceduto nel 2016).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata