Milano, 15 ott. (LaPresse) – Guardando i numeri del coronavirus in Lombardia, siamo di fronte a una seconda ondata? "Per il momento, non possiamo proprio paragonare l'ondata di marzo ai numeri di adesso. Perché, comunque, bisogna guardare chi è in terapia intensiva, chi ha polmoniti. Mentre la maggior parte dei casi, fortunatamente, adesso ha sintomi lievi o sono asintomatici. Nettamente diversa la situazione, ma sicuramente stiamo allerta. L'attenzione rimane molto alta: questo sì, sicuramente". Lo ha detto a LaPresse Paola Pedrini, segretaria generale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) Lombardia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata