La cabina di regia pronta a sancire l'allentamento delle restrizioni in Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise

 (LaPresse) – Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise scaldano i motori per l’ingresso in zona bianca, previsto da lunedì 31 maggio. La settimana dopo toccherà, secondo le previsioni, ad Abruzzo, Liguria, Veneto e Umbria e a metà giugno anche altre regioni italiane, fra cui Lombardia, Piemonte e Lazio, dovrebbero lasciare la zona gialla. Certo è che l’andamento del contagio fa ben sperare. E, secondo la Fondazione Gimbe, scende ancora l’incidenza in tutte le regioni. Non solo: si assiste anche a una riduzione di nuovi casi (-29,5%) e decessi (-17,4%) che si accompagna a un crollo di ricoveri e terapie intensive, grazie alle elevate coperture vaccinali degli over 70.

L’ultimo bollettino: 4.147 i nuovi positivi al Covid-19, 171 morti

Dati che vanno di pari passo anche con l’ultimo bollettino del Ministero della Salute, secondo cui sono 4.147 i nuovi positivi al Covid-19 nelle ultime 24 ore (4.205.970 dall’inizio della pandemia) e 171 i morti, 125.793 in totale. Il tasso di positività sale leggermente dall’1,5% all’1,7% e sono quasi 244mila i tamponi analizzati, fra molecolari e antigenici rapidi (243.967, per la precisione). La situazione ospedaliera, cartina di tornasole dello sviluppo della pandemia soprattutto nei mesi più bui, offre ora numeri che rincuorano. Sono 411 in meno i ricoverati con sintomi di Covid-19 in Italia, cioè meno di 8mila (7.707) in area non critica lungo lo Stivale. Continua anche il calo dei pazienti in rianimazione: -72 in un giorno, 1.206 in totale. Ammontano a 10.808 i nuovi guariti e continuano a scendere gli attuali positivi (-6.836, 253.193 complessivamente).

“Se le curve dei ricoverati nei reparti di area medica e terapia intensiva – sottolinea il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta – stanno scendendo più velocemente grazie all’effetto delle coperture vaccinali nelle classi di età più avanzate, quella delle persone in isolamento domiciliare, in media più giovani, cala più lentamente”.

Intanto, la Coldiretti fa i conti in vista del prossimo passaggio in zona bianca: sono 3,1 milioni gli italiani residenti in Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise che a partire dall’inizio della prossima settimana sono pronti a passare al bianco, dove è previsto il “superamento delle limitazioni orarie alla circolazione e alle attività”, fermo restando il rispetto degli obblighi sull’utilizzo delle mascherine e il “distanziamento per scongiurare gli assembramenti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata