Positivi 23 passeggeri di un aereo arrivato da Nuova Dehli

L’Italia si prepara al primo weekend in ‘giallo‘, con il fiato sospeso, in attesa dei nuovi dati del monitoraggio epidemiologico. Intanto il virus continua a correre, spinto dalle varianti, e a far paura arriva anche il Covid ‘indiano’, a causa del quale, il ministero della Salute ha deciso di chiudere i confini non solo con l’India ma anche con Bangladesh e Sri Lanka. Nonostante il blocco però, aerei provenienti da quei Paesi continuano ad arrivare e la Regione Lazio lancia l’allarme: solo sul volo atterrato mercoledì da New Delhi a Fiumicino, ben 23 persone sono risultate positive, e altre 200 sono state messe in quarantena, in strutture dedicate, dopo aver effettuato il tampone. 

Lo stesso è avvenuto con un altro volo atterrato giovedì e succederà ancora con un aereo in arrivo venerdì: “Non si può scaricare tutto sul sistema sanitario regionale”, si preoccupa l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, mentre il presidente della Regione, Nicola Zingaretti ritiene “indispensabile” bloccare i voli e coordinarsi a livello europeo.L’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, pur chiudendo i confini, lascia infatti la possibilità di ingresso nel Paese agli autorizzati, per rientri, ricongiungimenti familiari di cittadini italiani o motivi lavorativi.

Domani, con il nuovo monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità, verranno definiti eventuali cambi di colore per le Regioni: la Sardegna, al momento unica in rosso, tornerà arancione, come conferma l’assessore della Sanità Mario Nieddu che, contattato da LaPresse, spiega: “L’indice Rt è a 0,81, è un dato provvisorio ma siamo ben al di sotto di 1. Con i numeri che abbiamo, se confermati dalla cabina di regia, andremo sicuramente in arancione”.

Sul fronte della campagna vaccinale, al mancato obiettivo del mezzo milione di dosi giornaliere, fissato dal commissario Francesco Paolo Figliuolo, le Regioni rispondono ancora una volta chiedendo più dosi da somministrare. E dopo la Campania, arrivano anche nel Lazio le vaccinazioni per le isole Covid free, con somministrazioni in programma da lunedì a Ponza e Ventotene. Da parte sua, il presidente della Conferenza delle Regioni e governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, spinge per massimizzare gli sforzi sul fronte approvvigionamento dosi, da atto a Figliuolo del cambio di passo, e sul tema restrizioni evidenzia: “le misure devono trovare la più ampia condivisione” Dal ministero della Salute un’ulteriore ordinanza proroga di 15 giorni le misure di contenimento relative agli arrivi dai Paesi europei. Il primo weekend post riaperture si avvicina, ma l’attenzione resta massima.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata