L'intervista alla titolare di un ristorante nel quartiere Monti

(LaPresse) “Quella di oggi io la chiamo l’apertura del coraggio. Non è una vera ripartenza, è una presa in giro”. Così Roberta Pepi, titolare dello storico ristorante ‘Robertino’ nel quartiere Monti, che oggi ha riaperto con i tavoli all’aperto. “Non parliamo poi del coprifuoco, è la mortificazione dell’accoglienza – spiega ancora la donna – E’ follia. Oggi riapro con 20 persone fuori, senza pandemia ne ho 120. Per non parlare poi dei tavoli fuori, cosa dico ai miei clienti se comincia a piovere. Mi sento presa in giro, molti di noi si sono ammalati a casa. La era paura è quella di deludere”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata